Bolle? Dance your style…

mp_180616_red_bull_dance_your_style_milan_0008

Spazio alla street dance. Paladino Roberto Bolle. Per la settimana di OnDance ideata per Milano, l’étoile scaligera ha promosso tra i tanti eventi il primo Red Bull Dance Your Style, competizione di street dance, dall’hip hop al vogueing, dal locking al breaking, che ha coinvolto ieri pomeriggio in piazza Duca d’Aosta davanti alla Stazione Centrale 16 ballerini italiani. Battles, come si chiamano in gergo, 1 contro 1, improvvisate sulla musica, giudice il pubblico: protagonisti Babi’, Carlos, Cri Go Go, Imad Bk, Kikko, La B.Fujiko, Ruben, Shorty, Tonini, Joe Frog, Veronica Real, Rada, Mowgly, Silvia Go Go, Sese’, Fanta, nell’immagine sotto tutti insieme con Bolle sullo sfondo. 

mp_180616_red_bull_dance_your_style_milan_0017

Ad arrivare alla finale due strepitosi danzatori (vedi clip su instagram @francesca.pedroni): Mowgly (al centro in nero a braccia conserte) e Tonini (a sinistra in piedi con cappello nero). Mowgly è Cristian Bilardi, ventiduenne di Reggio Calabria, neo vincitore di Red Bull bc one cypher Italia 2018 e fondatore della Marittima Funk Crew, il suo stile è ipervirtuosistico, campione di break dance con evoluzioni stratosferiche eseguite a terra, in equilibrio sulla testa e su un braccio, fulminee per ritmo e stacchi dinamici.  

mp_180616_red_bull_dance_your_style_milan_0132

Ma moltissimo ci è piaciuto anche il suo avversario: il giovanissimo Tonini, altro stile, giocato in piedi, articolazioni morbidissime, corpo che viaggia in divertite fluidità, grande originalità di movimento. Il ragazzo è di Modena, si chiama Filippo Tonini, ha 19 anni, danza da quando ne ha 8. Da seguire!

mp_180616_red_bull_dance_your_style_milan_0363

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Tra Mr. B e Wayne McGregor la stagione 18/19 della Scala

È con il guizzo fiabesco dello Schiaccianoci di Mr. B, ovvero di George Balanchine, che si aprirà la prossima stagione di balletto del Teatro alla Scala diretta da Frédéric Olivieri. Una nuova produzione che porta la firma per scene e costumi di Margherita Palli dal classico natalizio sulle immortali note di Ciajkovskij che Mr. B. firmò nel 1954 per il New York City Ballet. Uno Schiaccianoci che come nell’originale di Petipa e Ivanov del 1892 vede protagonisti del racconto di Hoffmann due bambini guidati nel favoloso mondo dei dolciumi dalla Fata Confetto. Anteprima giovani, come ormai è rito del teatro, il 15 dicembre, prima ufficiale il 16, repliche fino al 15 gennaio per la bacchetta di Michail Jurowski.

George Balanchine negli uffici del Teatro alla Scala

George Balanchine negli uffici del Teatro alla Scala foto Erio Piccagliani ©Teatro alla Scala

Secondo titolo del cartellone, una creazione firmata da Angelin Preljocaj: sarà Winterreise (Viaggio d’inverno), capolavoro di Schubert. Olivieri: “Angelin è venuto molte volte a vedere la compagnia, abbiamo in repertorio già altri suoi lavori, e finalmente ora avremo una novità per il nostro Corpo di Ballo. Sarà un pezzo per 25/30 danzatori”. Winterreise si lega al ciclo di balletti da camera che vedrà questa volta al pianoforte James Vaughan (24 gennaio – 9 marzo). 

Wide images showing a scene from Part 2 of Woolf Works the World Premiere by Wayne McGregor and The Royal Ballet @ Royal Opera House. (Opening 11-05-15) ©Tristram Kenton 05/15 (3 Raveley Street, LONDON NW5 2HX TEL 0207 267 5550 Mob 07973 617 355)email: tristram@tristramkenton.com

Woolf Works di Wayne McGregor, foto ©Tristram Kenton 

Aprile porterà al Piermarini uno dei titoli più affascinanti e complessi degli ultimi anni: Woolf Works di Wayne McGregor, creato nel 2015 per il Royal Ballet di Londra con Alessandra Ferri nel ruolo protagonista. Ne abbiamo parlato da questo blog e siamo particolarmente felici che la creazione di McGregor venga riallestita alla Scala per il Corpo di Ballo del Teatro con il ritorno alla Scala di Alessandra Ferri, interprete di raro spessore umano, ospite insieme al Principal del Royal Federico Bonelli. Musica trascinante di Max Richter per uno spettacolo tripartito che con un linguaggio coreografico e scenografico di formidabile inventiva trasforma in visione l’anima di tre romanzi di Woolf (7-20 aprile). 

In linea con l’omaggio in scena in questi giorni a Rudolf Nureyev, torna alla Scala la rigogliosa versione de La Bella Addormentata nel bosco che lo stesso Nureyev debuttò al Piermarini nel 1966. A danzare alla prima sarà Polina Semionova (26 e 29 giugno), mentre Svetlana Zakharova sarà in scena il 5 e 9 luglio.Trattative in corso per gli ospiti maschili, bacchetta di Felix Korobov. “Un titolo”, dichiara Olivieri che sotto la direzione Nureyev danzò all’Opera di Parigi, “impegnativo e utilissimo per il lavoro e la crescita della compagnia”. Lo spettacolo torna in scena nell’allestimento del 1993 di Franca Squarciapino.

La bella addormentata sett. 66 Rudol Nureyev

Rudolf Nureyev nell’allestimento della sua Bella Addormentata alla Scala nel 1966. foto Erio Piccagliani ©Teatro alla Scala

Settembre rivedrà in Teatro il capolavoro romantico Giselle nella versione di Yvette Chauviré, con étoile Svetlana Zakharova (17 settembre-8 ottobre). Roberto Bolle danzerà alla Scala in Onegin, intramontabile balletto di John Cranko che rivedrà l’étoile scaligera insieme a Marianela Nuñez dopo il successo di questa stagione (24, 26, 29 ottobre, 2 e 6 novembre).

Roberto Bolle e Marianela Nuñez in “Onegin” foto Brescia Amisano ©Teatro alla Scala

Bolle chiuderà anche la stagione con il ritorno nel Boléro di Béjart in un trittico composto da Symphony in C di Balanchine e Petite Mort di Jiří Kyliàn (date tra il 16 e il 30 novembre). 

bolero-roberto-bolle-foto-brescia-e-amisano-c-teatro-alla-scala-4

Roberto Bolle in “Boléro” foto Brescia Amisano ©Teatro alla Scala

Ospitalità a luglio con il Tokyo Ballet in The Kabuki di Maurice Béjart e con un secondo programma in via di definizione. 

Per il futuro il sovrintendente Alexander Pereira e il direttore del Ballo Oliveiri hanno anche annunciato di stare lavorando a due prime mondiali i cui dettagli sono ancora top secret ma di cui si sa che nasceranno su partiture di due compositori italiani. Intanto tra settembre e novembre 18 in programma oltre alla già annunciata tournée in Cina, la prima trasferta in novembre del Corpo di Ballo in Australia con Giselle Don Chisciotte. In Australia con i primi ballerini della Compagnia danzeranno anche gli ospiti Maria Eichwald e David Hallberg (Giselle) e Leonid Sarafanov (Don Chisciotte).   

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Sul fluire delle emozioni

Nino Sutera e Virna Toppi in Mahler 10 di Aszure Barton

Nino Sutera e Virna Toppi in Mahler 10 di Aszure Barton

MILANO – Trittico all’insegna della grande musica e delle declinazioni infinite della danza del Novecento. Ha debuttato ieri al Teatro alla Scala il programma a tre firme composto dalla creazione in prima mondiale Mahler 10 della coreografa canadese lanciata anni fa da Mikhail Baryshnikov, Aszure Barton, da Petite Mort, ripresa di uno dei capolavori di Jíři Kyliàn, e da un altro hit della modernità: il Boléro di Béjart, per la prima volta interpretato da Roberto Bolle. Un trittico che accosta a tre particolarissimi segni coreografici tre giganti della musica come Mahler, Mozart e Ravel. Serata speciale dedicata alla memoria di Elisabetta Terabust, étoile italiana nonché direttrice appassionata di tanti corpi di ballo, tra cui anche quello della Scala, scomparsa alcune settimane fa. 

Mahler 10, scenografia di Burke Brown, costumi di Susanne Stehle

Mahler 10, scenografia di Burke Brown, costumi di Susanne Stehle

Aszure Barton per Mahler 10, creazione sul trascinante Adagio dell’ultima sinfonia composta da Mahler prima di morire, ha lavorato a stretto contatto con i danzatori: otto di loro hanno parti da solista, ma la coreografia ha un impatto corale, un’onda collettiva e commovente che fluisce per la scena. Gli otto solisti, alla prima Nino Sutera, Virna Toppi, Nicola Del Freo, Antonella Albano, Stefania Ballone, Christian Fagetti, Federico Fresi e Chiara Fiandra, hanno elaborato il movimento insieme a Aszure a partire da gesti creati in riferimento a loro storie personali: sensazioni di luce e di dolore, di felicità e tragedia che la coreografa ha saputo poi trasformare con mano salda in un pezzo non narrativo quanto emozionante. Un’esperienza umana oltre che artistica che i danzatori hanno condiviso con feconda partecipazione e sincerità come traspare dalla bellezza del pezzo. 

Petite Mort di Kyliàn

Petite Mort di Kyliàn

Assente dalla Scala da dieci anni, torna a brillare al Perimarini Petite Mort di Jíři Kyliàn, intramontabile pezzo sull’amore e il culmine dell’unione fisica che inanella passi e due e momenti d’insieme sull’Adagio e sull’Andante dei Concerti per pianoforte e orchestra n. 23 e n. 21 di Mozart. Sei le coppie coinvolte che hanno visto in scena Nicoletta Manni e Mick Zeni, Martina Arduino (sempre più brava) con Christian Fagetti (apprezzato anche in Mahler 10), Nicola Del Freo (anche lui in doppio ruolo) con Francesca Podini, Vittoria Valerio e Matteo Gavazzi, Chiara Fiandra e Eugenio Lepera, Alessandra Vassallo e Marco Agostino. 

Roberto Bolle ie i ballerini della Scala n Bolero di Béjart

Roberto Bolle e i ballerini della Scala in Boléro di Béjart

Chiusura serata con uno dei pezzi culto di Maurice Béjart, quel Boléro che negli anni (il balletto è del 1961) ha visto alternarsi sopra l’inconfondibile tavolo rosso uomini e donne come la seduttiva ballerina jugoslava Duška Sifnios (la prima), il ballerino feticcio Jorge Donn, belva da palcoscenico con quella chioma fulva scossa a ogni avanzare del crescendo, la nostra Luciana Savignano, di memorabile, misteriosa sensualità, Maja Plissetskaja, Patrick Dupont, Sylvie Guillem. Interpretazioni diversissime, perché il bello del Boléro è che su quel famoso tavolo non c’è nessun personaggio da interpretare se non far emergere se stessi nel travolgente crescendo musicale. Alla Scala è ora la volta di Roberto Bolle, applauditissimo alla prima in questo balletto coreografato da Béjart con folgorante erotismo, una parte che da molti anni l’artista desiderava affrontare e che ha modulato a misura del  suo adamantino appeal. Intorno a lui il corpo di ballo maschile scaligero sfodera una provocante sensualità. Accanto a Bolle, alla Scala danzano il ruolo anche i ballerini della compagnia di Béjart, Elisabet Ros (29 marzo) e Julien Favreau (30 marzo), ma è molto atteso anche il debutto nella strepitosa parte di tre dei più giovani e promettenti talenti scaligeri: le nuove due prime ballerine Martina Arduino (13 pomeriggio e 27 sera) e Virna Toppi (25 marzo e 7 aprile) e Gioacchino Starace (5 aprile). Orchestra diretta appassionatamente da David Coleman, repliche fino al 7 aprile. 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Teatro alla Scala, futuro e presente del Ballo

Scala in primo piano, in questi giorni per il balletto. Ieri è stata presentata la nuova stagione 2017/2018, diretta da Frédéric Olivieri, scelto dal sovrintendente Alexander Pereira come nuovo direttore del Ballo per tre anni. Una stagione che riporta in primo piano alcuni capolavori del Novecento a firma Jíri Kylián, Maurice Béjart, John Neumeier, Kenneth MacMillan, grandi classici come “Il Corsaro”, novità come la creazione di Aszure Barton, una serata Nureyev. 

In ordine, immagini e date. Titolo inaugurale della stagione (dal 15 dicembre al 13 gennaio) La Dame aux camélias, uno dei capolavori del dance-drama di John Neumeier che segnò nel 2007 il primo addio alle scene di Alessandra Ferri proprio alla Scala. Una serata memorabile. Questa volta a danzarlo sarà con Roberto Bolle Svetlana Zakharova. Un gioiello interpretativo su musiche di Chopin. 

John Neumeier

Dal 25 gennaio al 22 marzo tocca a Goldberg-Variationen di Heinz Spoerli, nuova produzione da camera della Scala che riprende un classico del coreografo svizzero. goldberg-variationen-photo-%e2%88%8fpeter-schnetz-2

Serata all’insegna di novità e grandi ritorni dal 10 marzo al 7 aprile con un trittico tutto da vedere: Mahler 10, creazione in prima assoluta firmata dalla canadese Aszure Barton, scoperta da Mikhail Baryshnikov; Petite Mort di Jíri Kylián, Bolero di Maurice Béjart. A danzare sul famoso tavolo del “Bolero” sarà Roberto Bolle, per la prima volta nell’iconico quanto espressivo ruolo, in alternanza con danzatori del Béjart Ballet Lausanne.

Maurice Béjart

den haag , 16-1-2010 , foto serge ligtenberg , jiri kylian

aszure-barton-ph-graeme-mitchell-1

Una gioia per i ballerini scaligeri sarà Le Corsaire (dal 20 aprile al 17 maggio) nella versione di Anna-Marie Holmes, trionfo del virtuosismo tardo-romantico, storia di schiave e pirati rubata a Byron, un titolo dove mettere in luce attraverso i numerosissimi ruoli, variazioni, ensemble i talenti di casa. Scene nuove di Luisa Spinatelli. 

le-corsaire-disegno-di-una-scena-di-luisa-spinatelli-4

Omaggio a Rudolf Nureyev per l’ottantesimo anniversario della nascita e per il venticinquesimo anniversario della scomparsa con Serata Nureyev (24, 25, 26 maggio), un gala che si annuncia ricco di sorprese, tra gli ospiti già annunciati Marianela Nuñez e Vadim Muntagirov. 

rudolf-nureyev-romeo-5028lmn-ph-lelli-e-masotti

Nureyev torna in auge anche per la ripresa del suo Don Chisciotte dal 10 al 19 luglio, un classico del virtuosismo e dell’humour. 

Chiusura dal 17 ottobre al 2 novembre con L’histoire de Manon di Kenneth MacMillan, storia inossidabile di amore, tradimento e morte che vedrà di nuovo in scena Roberto Bolle e Svetlana Zakharova. 

lhistoire-de-manon-svetlana-zakharova-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-k61a1727-b-x

Da segnarsi in agenda anche il ritorno in Scala del Bolshoi con Bayadère La Bisbetica domata di Jean-Christophe Maillot.

Intanto fino all’1 giugno è in scena Progetto Händel di Mauro Bigonzetti, presentato dal suo autore come un puro divertimento tra coreografo, musica e interpreti. Un gioco sui codici della danza che spinge i 22 danzatori dell’ensemble coinvolti (ottima resa da Timofej Andrijashenko a Agnese Di Clemente, Gioacchino Starace, Christian Fagetti, Alessandra Vassallo, Nicola Del Freo, Vittoria Valerio, Federico Fresi) e le étoiles Roberto Bolle e Svetlana Zakharova a portare all’estremizzazione l’elasticità del corpo: è una danza segnata da voraci spaccate, a terra e in rovesciata, ampie oscillazioni di bacino, gambe tenute a 180° e più, intrecci di corpi in cui di continuo marcano il tempo veloci piegamenti e distensioni di braccia, gambe, polsi e caviglie. Un divertimento che non vuole raccontare nulla, altro che la messa in luce della mobilità dei corpi degli interpreti elettrizzati dal segno tutto pulsazione di Bigonzetti. Un pezzo che snocciola soli, passi a due, ensemble, terzetti, quartetti, accompagnati nella prima parte da sarabande, allemande, gighe, correnti e preludi eseguite al pianoforte da James Vaughan, nella seconda da movimenti tratti da svariate sonate che vedono al clavicembalo ancora Vaughan, al violino Francesco De Angelis, all’oboe Fabien Thouand, al flauto Andrea Manco, al violoncello Sandro Laffranchini. 

progetto-haendel-svetlana-zakharova-e-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-301_k61a8846-xx

Costumi che rivisitano per le donne il tutù con gorgiere stilizzate, intrecci di fili e corsetti, puntando per i maschi alla messa in luce della fisicità con pantaloni attillati o inguainati in aderentissime magliette nude look. 

progetto-haendel-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-709_k65a2735-xx

Foto courtesy of Teatro alla Scala. Dall’alto John Neumeier (foto Kiran West), Goldberg-Variationen (foto Peter Schnetz), Maurice Béjart (foto Lelli e Masotti), Jíri Kylián (foto Serge Ligtenberg), Aszure Barton (foto Graeme Mitchell) un bozzetto di Luisa Spinatelli per “Il Corsaro”, Rudolf Nureyev (foto Lelli e Masotti), L’Histoire de Manon (foto Brescia Amisano), “Progetto Händel” (foto Brescia Amisano)

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Un’ora con Marianela Nuñez

L’incontro con una stella del balletto è un momento speciale per bambini e adolescenti che hanno scelto la danza come loro percorso di crescita. E quando avviene con un’artista di rango nonché generosa e solare qual è Marianela Nuñez, Principal del Royal Ballet di Londra, si può essere certi che nella vita dei giovani tersicorei lascerà un segno. 

È successo in questi giorni alla Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala dove Marianela Nuñez è stata invitata dal direttore Frédéric Olivieri a tenere alcune lezioni alle classi femminili più avanzate e a incontrare tutta la scuola. Una bella occasione per intervistarla insieme gli allievi, per ascoltare la sua storia, sentirla rispondere ai ragazzi. Ecco come è andata.IMG_1693

Come ha iniziato a danzare? 

«La mia è una storia molto tradizionale. Ho tre fratelli maschi. Mia mamma, stufa del football, felice di avere finalmente anche una femmina, pensò di mandarmi da piccolissima a lezione di balletto. Ero sempre vestita di rosa e ho iniziato a ballare tre anni. A cinque ero certa: voleva diventare una ballerina, una grande ballerina. Studiavo in una piccola scuola nei dintorni di Buenos Aires ed ero assai concentrata. Quando i miei compagni mi sembravano distratti, li sgridavo… Prendevo la cosa molto seriamente. (ride) 

La mia maestra disse che avevo talento e che era il caso di mandarmi a studiare nella scuola del Teatro Colón. Avevo otto anni quando entrai. Il corso intero di studi dura dieci anni. Io ne ho fatti cinque perché quando avevo tra i tredici e quattordici anni mi vide Maximiliano Guerra, grandissimo ballerino che è stato più volte anche alla Scala e che mi chiese di ballare con lui. Ero davvero giovanissima! Lasciai la Scuola e cominciai a danzare in compagnia. Sentivo la pressione di questa scelta ma ero anche felice. Guerra è stato un padrino per me. Non solo per l’opportunità che mi ha dato, per l’esperienza che mi ha trasmesso, ma per la cura nei miei riguardi. È ancora lui che mi disse: «hai talento, devi andare a ballare in Europa, o con l’Hamburg Ballett o con il Royal Ballet di Londra». La prima audizione che feci fu con il Royal. Dirigeva la compagnia Anthony Dowell. Mi offrì subito un contratto. Ma quando stavo per firmarlo realizzò che ero troppo giovane! Per entrare in compagnia dovevo avere almeno 16 anni e io ne avevo 15… Mi propose una soluzione: tornare a Scuola per un anno, nella Scuola del Royal, e poi entrare. Accettai».

IMG_1692Sarà stato difficile tornare a studiare a Scuola….

«Sì, ma è stata la scelta migliore. Difficile all’inizio da accettare, ma se mi guardo indietro, che esperienza! Ho imparato la lingua, ho studiato lo stile, la scuola del Royal Ballet mi ha nutrito, è stata la mia famiglia. L’anno dopo sono entrata in compagnia. Un altro grande incontro a diciassette anni. Carlos Acosta doveva danzare Diana e Atteone con Leanne Benjamin, che però si era fatta male. Carlos sapeva la mia storia, chiese di danzare con me. Andò bene e venni promossa first soloist». 

Da corpo di ballo a prima solista e poi a Principal…

«Sì, Principal sono diventata nel 2000. Ma ci tengo a segnalare quanto sia importante danzare nel corpo di ballo, cambiare ruolo negli stessi balletti. Al Royal Ballet anche da Principal ho continuato a danzare più parti. Anche in Bella Addormentata a volte faccio Aurora, a volte la Fata dei Lillà e conosco bene tutti i ruoli. Bisogna avere un grande rispetto del corpo di ballo e delle diverse parti. Penso alle fate, che variazioni! Un balletto non è mai fatto solo dalla ballerina principale, la performance è il risultato di un insieme. Capire questo significa avere amore e rispetto per l’arte della danza». 

(dagli allievi): Qual è il suo ruolo preferito? 

«Impossibile rispondere. È come se fossi una mamma e dovessi dire quale figlio preferisco. Posso solo dire che mi ritengo molto fortunata a poter danzare i grandi classici come Bella Addormentata accanto a coreografie di maestri come Balanchine, Cranko, MacMillan e di artisti più giovani. Quando ho iniziato, siccome ero molto forte tecnicamente, mi proponevano ruoli particolarmente virtuosistici, ma io già desideravo mettermi alla prova anche in parti più emozionali. Adoravo balletti come Romeo e Giulietta, L’Histoire de Manon. Nella mia prima Bajadère feci Gamzatti, ma già avrei voluto danzare la parte drammatica di Nikija. Alla fine ci sono riuscita e oggi nel mio repertorio ci sono ruoli con sfumature e caratteristiche molto diverse». 

IMG_1693

(dagli allievi): Partner preferiti?

«La partnership è qualcosa quasi di chimico, un’unità che non nasce in scena, ma si sviluppa durante le prove in studio. Ognuno di noi ha il proprio ego, le proprie insicurezze e con il partner deve scattare quella comprensione reciproca che può anche poi diventare una sfida a trovare nel balletto nuove soluzioni. Ancora una volta vi dico che sono stata fortunata. Ho avuto sempre magnifici partner, qui ce n’è uno, Alejandro Parente (Principal del Colón, alla Scuola con Marianela per alcune lezioni ai maschi), o Vadim Muntagirov con cui ballerò a febbraio a Londra Bella Addormentata che sarà anche al cinema in Italia in diretta da Londra il 28 febbraio e in due passi a due agli Arcimboldi nel gala di Roberto Bolle questa settimana». 

Tra i tanti balletti che ha interpretato ci sono L’Histoire de Manon che ha appena nominato e di cui c’è anche un breve documentario sul website del Royal Ballet che la vede provare l’ultimo passo a due con Federico Bonelli e l’Onegin di John Cranko che verrà a danzare a settembre alla Scala con Roberto Bolle.

«Principal sono diventata a 20 anni, ma la parte di Manon l’ho danzata la prima volta a trent’anni. Avevo ballato tutte le parti di quel titolo di MacMillan, il corpo di ballo, le prostitute, è stato un viaggio incredibile nel balletto che poi ho danzato come Manon anche per la diretta al cinema del Royal. Un titolo magnifico. Onegin, altro balletto di grande emozione, non l’ho mai danzato con Roberto Bolle: conto i mesi che mancano… ma il balletto lo conosco bene. Tante volte ho danzato la parte di Olga, così la prima volta che ho fatto Tatiana in prova conoscevo già tutto il ruolo. Vivere lo stesso titolo da più punti di vista è davvero un’esperienza preziosa».

(dagli allievi): Cosa ha provato la prima volta che ha danzato sul palcoscenico del Covent Garden?

«Quando sono entrata in compagnia, il Covent Garden era in restauro. Quando è stato riaperto, danzavo Bajadère nel corpo di ballo. Mi ricordo l’emozione prima di entrare e la sensazione di sentirmi vicina al sogno che avevo da bambina».

(dagli allievi): Cos’è per lei essere diventata una Principal?

«Trovare le parole non è facile. Certo mi anima da sempre una grande passione. Sono certa che quando dovrò smettere non troverò qualcosa da amare nello stesso modo della danza. Posso però dire, come Principal, di sentire una grande responsabilità nei confronti dei giovani, dei ballerini appena entrati in compagnia che sono come ero io. Sei un esempio ed è essenziale comunicare l’amore e il rispetto per questa magnifica forma d’arte. Lasciare qualcosa agli altri».

(dagli allievi): Per lei ballerini si nasce o si diventa?

«È veramente difficile rispondere. Magari nasci con un fisico perfetto per la danza, ma non diventerai mai una ballerina, o al contrario hai dei difetti da correggere ma una tale determinazione che ce la fai. Certo se il corpo è dotato, sei avvantaggiato, ma davvero non saprei. La danza è qualcosa che va forse al di là di questa prospettiva. È lavoro e rispetto. È vero però che quando racconto che a cinque anni ero certa di voler diventare una ballerina, non è un cliché, è la verità e me lo ricordo molto bene. Non avevo mai visto un balletto prima dei cinque anni, ma volevo danzare. Quindi forse, chissà, sono nata per la danza. Però ci penso, e forse domani avrò una risposta migliore…»

DOVE VEDERLA DANZARE in Italia: stasera e domani pomeriggio al Teatro degli Arcimboldi di Milano nel gala Roberto Bolle and Friends. Insieme con Vadim Muntagirov del Royal Ballet nei due pas de deux dal terzo atto di Bella Addormentata e Lago dei cigni.

al cinema il 28 febbraio, in diretta dal Covent Garden di Londra con il Royal Ballet. Elenco delle sale su Nexo Digital

Al Teatro alla Scala, in Onegin con Roberto Bolle, 23, 26, 28 settembre; 12, 18 ottobre.

 

 

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+