Fantasie in corto di Philippe Decouflé

Debutta stasera all’Espace Malraux Scene Nationale di Chambery et de la Savoie (con repliche domani e dopo) Nouvelles Pièces Courtes, il nuovo spettacolo di Philippe Decouflé, visionario coreografo francese conosciuto anche da un pubblico non tradizionale per la danza per aver firmato anni fa la cerimonia dei Giochi Olimpici di Albertville. Autore anche di commedie musicali e di grandiosi spettacoli come “Paramour” firmato nel 2016 per Broadway, per “Nouvelles Pièces Courtes” cambia il tiro all’insegna di semplicità e purezza. Soli, duetti e piccoli pezzi di gruppo che esplorano l’architettura del corpo, senza tralasciare l’aspetto ludico a cui ci ha abituato la compagnia di Decouflé. Allievo tra i più famosi di Alwin Nikolais, il padre del teatro astratto multimediale, Decouflé sarà in ottobre uno degli ospiti chiave del Festival Torinodanza con “Nouvelles Pièces Courtes” che vedremo a Chambers giovedì. 

Nel frattempo per chi avesse voglia di ripassarsi i perché del timbro e della qualità del lavoro di Decouflé, ecco qui un corto che realizzammo a Parigi cinque anni fa per il debutto, sempre a Torinodanza, dello spettacolo “Panorama” e della indimenticabile mostra a La Villette “Opticon” con intervista al coreografo. 

 

 

 

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Kaori Ito&Aurélien Bory: “Plexus”


Kaori Ito in “Plexus” foto ©Mario Del Curto

Lui è Aurélien Bory, artista che ha firmato uno dei lavori più accattivanti del circo contemporaneo, lei è Kaori Ito, danzatrice giapponese dalla temperatura emotiva pungente, fisico iper-snodato, uno dei volti più noti dei les ballets C de la B di Alain Platel. Li abbiamo visti alle Fonderie Limone di Moncalieri per il festival Torinodanza in “Plexus”, creazione di Bory ideata sul talento particolarissimo di Ito, ambientato all’interno di una magica installazione attraversata da fili di nylon. Lo recensimmo sul Manifesto, ci torniamo su danzon perché lo spettacolo è di nuovo in scena in Italia, al Brancaccio di Roma da domani a domenica.

“Plexus” di Aurélien Bory

Si inizia nel silenzio con Ito di fronte al pubblico. Immobile, tiene la scena e l’attenzione del pubblico, con la sua presenza interrogativa. Kaori si passa un microfono sotto la canottiera e ascoltiamo il suo cuore, il pulsare ritmico del corpo, mentre il suo sguardo si estende sulla nostra attesa. Passerà poco tempo e verrà risucchiata dentro il telo nero di sfondo.

“Plexus” foto ©Aglaé Bory

L’occhio dalla platea cerca l’immagine nel buio. Riapparirà in un fluire di visioni, una sorta di box degli incanti nel quale i fili di nylon diventeranno scale, fughe verticali, piani orizzontali. Ito danza all’interno del box ed è un movimento che sembra miracolosamente ignorare le leggi di gravità, la fatica dell’elevazione, i pericoli di un off balance, la perdita d’equilibrio.
Ito pare sollevata nell’aria attraversata dai fili. Non lo è.
Non ci sono trucchi, né cavi, solo scarpe, mani prensili, una fisicità che sfida se stessa in uno spazio di cui sentiamo la resistenza e i vuoti improvvisi. Le gambe si attorcigliano intorno a gruppi di nylon, il corpo vola in avanti proteso in un disequilibrio fascinoso, fermato in pose impossibili da altri fili tesi. Di chi è questa danza tra vuoti e pieni, sospesa per aria, a chi appartiene questo corpo ingabbiato, eppure libero, che scivola verso il basso e risale per rimanere lunghi attimi fermo a mezz’aria?

“Plexus” foto ©Aglaé Bory

Novella e ipnotica donna ragno, Ito ci regala con Bory una visione concreta, tangibile (è vero corpo e non proiezione) quanto metaforica di quella utopica dimensione virtuale che fa parte del mondo contemporaneo. A spettacolo terminato, in molti a Torino ci siamo avvicinati alla scena, perché si vuole scoprire di cosa è fatto il magico box, perché si vuole entrare nel sogno, che, con Bory e Ito, è strepitosamente alla portata del tocco, un sogno che non scompare dentro uno schermo spento di un pc, tra inganni e stordimenti della fascinazione virtuale.

E poi c’è una scoperta. Kaori Ito è anche una curiosa filmmaker. Un occhio al suo sito per scoprire i suoi lavori. Qui ne condividiamo uno in cui Kaori non appare ma firma regia e realizzazione per danzatori e interpreti del calibro di Niklas Ek e Damien Jalet. Onirico.

“Niccolini”, film di Kaori Ito

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+