Scala, nuova stagione con Sylvia

wiener-staatsballet-sylvia-ph-di-ashley-taylor-at-wiener-staatsoper-1

Si aprirà con Sylvia nella nuova versione creata nel 2018 da Manuel Legris per lo Staatsballet di Vienna la stagione 2019/2020 di balletto del Teatro alla Scala diretta da Frédéric Olivieri. Capolavoro su musica di Delibes in scena la prima volta nel 1876 all’Opéra di Parigi su ispirazione del dramma pastorale Aminta di Torquato Tasso, il balletto debutterà alla Scala il 14 dicembre con l’ormai classica Anteprima Giovani.

Het Nationale BalletODE AAN DE MEESTER Hans van Manen.Première 15 september 2017, Amsterdam.Il secondo spettacolo della stagione, in scena tra gennaio e febbraio, si lega al progetto sulla musica da camera fortemente voluto in questi anni dal sovrintendente Pereira. Serata a più titoli, vede la presenza in Scala di un grande coreografo del Novecento: Hans van Manen. In scena tre suoi pezzi, Adagio Hammerklavier (Beethoven), Kammerballett (Karayev, Cage, Scarlatti) e il seducente Sarcasmen (Prokofiev), sopra nella foto. A completare lo spettacolo due pezzi di Roland PetitLe combat des anges, toccante duo maschile da Proust, Le Jeune Homme et la Mort con Roberto Bolle. 

le-jeune-homme-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scalaBolle sarà anche coinvolto nella creazione in prima mondiale a firma Mauro Bigonzetti su musica di Fabio Vacchi, in cartellone a marzo, Madina. Storia calata nell’oggi che ruota intorno alla vicenda di una kamikaze dal romanzo di Emmmanuelle de Villepin La ragazza che non voleva morire. Voce recitante l’attore Filippo Timi. 

romeo-e-giulietta-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-img_5958

Tra aprile e maggio, ritorno di un classico novecentesco molto amato dal pubblico scaligero: Romeo e Giulietta (foto Brescia Amisano) nella versione di Kenneth MacMillan.

presentation-scuola-di-ballo-accademia-teatro-alla-scala-foto-ilaria-elena-borinLa Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala avrà quest’anno per la prima volta una creazione assoluta in scena per varie repliche: il Prometeo di Beethoven (coreografato nel primo Ottocento da Salvatore Viganò) riscritto da Heinz Spoerli. Il nuovo titolo sarà preceduto dalla classica Présentation con tutti gli allievi, a cura di Olivieri. 

il-lago-dei-cigni-foto-brescia-amisano-teatro-alla-scala-2

Torna in scena tra giugno e luglio Il lago dei cigni nella versione di Rudolf Nureyev, molto amata in teatro e assente da qualche anno. Un affondo in un lago dai risvolti psicologici, di sfida interpretativa e tecnica per i protagonisti. la-dame-aux-camclias-svetlana-zakharova-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-7Bolle e Svetlana Zakharova riaprono il sipario dopo l’estate danzando in settembre il capolavoro di dance-drama La Dame aux Camélias da Dumas di John Neumeier su musica di Chopin(al piano Roberto Cominati).

al-centro-martina-arduino-2

Chiude la stagione in ottobre la ripresa del felice Schiaccianoci di George Balanchine nella produzione scaligera con scene e costumi di Margherita Palli. Nella foto al centro, Martina Arduino, splendida Goccia di Rugiada del secondo atto. 

La scelta di Olivieri è di puntare sugli artisti di casa: non sono stati annunciati ospiti, ma ricordati i recenti inviti internazionali ai nostri ballerini, Timofej Andrijashenko al Royal Ballet di Londra, Nicoletta Manni al Bolshoi.

Quattro produzioni di quest’anno saranno accompagnate dall’Orchestra dell’Accademia del Teatro. Nei sette titoli direttori da Kevin Rhodes (Sylvia) a Felix Korobov (Romeo e Giulietta e Schiaccianoci), Michail Jurowski (Il lago dei cigni), Theodor Gushlbauer (Prometeo Dame aux Camélias). 

Romeo londinese per Timofej Andrijashenko

woolf-works-timofej-andrijashenko-claudio-coviello-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala

Woolf Works porta fortuna. Timofej Andrijashenko, primo ballerino del Teatro alla Scala con fisico da danseur noble (a sinistra nella foto con Claudio Coviello), di replica in replica ha conquistato pubblica e critica sia nella parte del tormentato ex soldato Septimus nel primo atto di Woolf Works dedicato a Mrs. Dalloway che nei passi a due fulminanti del secondo atto ispirato a Orlando. 

Un’ottima interpretazione apprezzata anche da Kevin O’ Hare, il direttore del Royal Ballet di Londra presente alla prima scaligera del balletto. O’Hare non ha perso tempo: Timofej ha ricevuto un invito a Londra per danzare questo 27 aprile e il 4 maggio Romeo e Giulietta al fianco di Melissa Hamilton. I nostri complimenti!

timofej-andrijashenko-romeo-e-giulietta-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-k65a0522-x-1

Nella foto Timofej nell’ultimo Romeo e Giulietta scaligero danzato con la partner d’arte e di vita Nicoletta Manni. Sotto Kevin O’Hare la sera della prima di Woolf Works con Wayne McGregor e i giovani allievi dell’Accademia Teatro alla Scala che hanno danzato nel toccante terzo atto del balletto Tuesday dedicato a The waves di Virginia Woolf. 

img_4026

 

foto Timofej Andrijashenko ©Brescia e Amisano courtesy Teatro alla Scala; foto dietro le quinte con i ragazzi dell’Accademia, nostra.

Woolf Works, ultima replica

C’è ancora solo una replica domani sera per Woolf Works di Wayne McGregor al Teatro alla Scala. Spettacolo straordinario che apre gli occhi su cosa può essere oggi il rapporto tra letteratura e scrittura coreografica, avvolgendo il pubblico in un affondo elettrizzante sul linguaggio della danza e del balletto oggi. 

woolf-works-i-now-i-then-alessandra-ferri-federico-bonelli-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-5

Interprete magistrale del primo e terzo atto, rispettivamente dedicati ai romanzi di Virginia Woolf Mrs. Dalloway The Waves è Alessandra Ferri, tornata a danzare nel nostro teatro a distanza di tre anni dall’ultima volta, quando per Capodanno riprese in Scala con Herman Cornejo Romeo e Giulietta. Il pubblico milanese ha però qui avuto occasione di riscoprirne la grandezza interpretativa in un ruolo e in un titolo di svolta dedicato a Virginia Woolf da un coreografo indubbiamente tra i maggiori del nostro tempo.

Con lei, come al debutto al Royal Ballet di Londra del 2015, Federico Bonelli, Principal Dancer italiano della compagnia inglese di fine acutezza linguistica, un danzatore che vorremmo vedere più spesso sui nostri palcoscenici. Sopra un’immagine di Ferri e Bonelli in I now, I then, primo atto del balletto di McGregor dedicato a Mrs. Dalloway e il trailer ufficiale della Scala. 

In questa seconda clip presento lo spettacolo per il ciclo di conferenze la Prima delle prime, organizzate dal teatro con gli Amici della Scala. Molte le immagini. Dalle prove vediamo Ferri insieme al primo ballerino scaligero Mick Zeni, interprete della parte del marito di Mrs. Dalloway, Richard, nel primo atto dello spettacolo; scorrono scatti con vari protagonisti di Woolf Works, il già citato Federico Bonelli in coppia con la scaligera Caterina Bianchi, strepitosa a rendere suo lo stile McGregor nella parte di Mrs. Dalloway giovane, Timofej Andrijashenko, Nicoletta Manni, Christian Fagetti, assoldati nella danza vorticosa e gender fluid del secondo atto dedicato a Orlando. Plauso anche a Claudio Coviello, Agnese Di Clemente, Virna Toppi.

Su danzon avevamo già parlato dello spettacolo da Londra, qui ne ribadiamo l’impatto anche musicale grazie all’eccellente partitura di Max Richter che ha avvolto il teatro con il suo potente mix spazializzato tra esecuzione dal vivo e parte registrata.

Sulla prima volta alla Scala di Woolf Works con i danzatori del teatro lasciamo la parola a McGregor e Alessandra Ferri in due clip, la prima realizzata durante la conferenza stampa di presentazione del lavoro, la seconda in un incontro sostenuto dalla Fondazione Milano per la Scala.

Ed ecco ancora Alessandra Ferri, ospite d’onore l’11 aprile anche della bella serata di gala Opera Dance, sempre organizzata dalla Fondazione Milano per la Scala in teatro e alla quale hanno partecipato oltre a Federico Bonelli, artisti come Marianela Nuñez e Alejandro Parente e primi ballerini della Scala come Manni, Andrjiashenko, Coviello, Virna Toppi. Nell’immagine Ferri, che ha dedicato anche in questa occasione parole di affetto al teatro e a tutte le sue maestranze artistiche e tecniche, sul palcoscenico del Piermarini insieme a Frédéric Olivieri, direttore del Corpo di Ballo del Teatro, e Margot de Mazzeri, responsabile della Fondazione per il balletto. © Tatiana Mazzola

photo courtesy ©Tatiana Mazzola Accademia Teatro alla Scala

Debutto per Preljocaj alla Scala

228_k61a7972-x

È la prima creazione firmata da Angelin Preljocaj per i ballerini del Teatro alla Scala: “Winterreise” debutta al Pierimarini giovedì, ma già domani il balletto è in scena grazie all’anteprima a favore della Fondazione Francesca Rava  – N.P. H. Italia Onlus. L’intero ricavato della serata sarà devoluto all’Ospedale NPH Saint Damien di Haiti, struttura d’eccellenza dedicata alla pediatria progettato e realizzato dalla Fondazione. 

Angelin Preljocaj ha coinvolto nella creazione 12 danzatori: «La “Winterreise” (Viaggio d’inverno) di Schubert è una partitura che amo da tempo. Una meraviglia. Da anni volevo dedicare una creazione a questi Lieder, ma dovevo trovare l’occasione giusta. Quando ho scoperto il progetto del sovrintendente Alexander Pereira dedicato al binomio tra balletto e musica da camera mi sono detto, questo è il momento giusto per “Winterreise”. 

Ho sentito questa partitura, che uso nel suo organico originale per pianoforte e basso-baritono, vicina a “I dolori del giovane Werther” di Goethe, c’è una melanconia simile, come un suicidio al rallentatore. Sento dentro questa musica il desiderio della morte unito alla ricerca della “petite mort”, dell’apice della passione fisica». 

309_k61a8206-x-1

24 momenti in cui vivere la tristezza e la gioia di un un uomo che sta compiendo il suo ultimo viaggio: un percorso declinato nei 12 danzatori, ambientato in un evocativo giardino d’inverno (scene di Constance Guisset, luci di Eric Soyer) in cui il rimando all’autunno si apre a momenti di esplosione del colore. 

In scena con i dodici danzatori il basso-baritono Thomas Tatzl e, al pianoforte, James Vaughan.

Per saperne di più, oggi alle 22, al ridotto dei Palchi Toscanini l’incontro del ciclo Prima delle prime – Balletto, titolo “Danzatore sono arrivato e danzatore parto” con Marinella Guatterini

Repliche fino al 9 marzo.

Recensirò lo spettacolo sul manifesto di sabato. 

photo courtesy Brescia e Amisano ©Teatro alla Scala

Effetto Manon

ferri-bocca-2

L’Histoire de Manon è una cartina al tornasole. Ogni volta che si torna a vedere questo dance drama di Kenneth MacMillan, il brivido scorre solo e se l’anima degli interpreti vibra nella linea coreografica. Dal 1994, primo anno in cui il balletto è stato portato alla Scala con una emozionante Alessandra Ferri in coppia con Julio Bocca (sopra nella foto), non ho perso una ripresa. L’ho amato negli anni sempre con Ferri insieme a un Bolle nel candore della gioventù, nella coppia Massimo Murru-Sylvie Guillem, nella partnership Osipova-Coviello… 

Ferri lo danzò da giovanissima a Londra, lavorando con lo stesso MacMillan. Ci disse in quel lontano 1994 ricordando la sua prima Manon ballata a 19 anni: «A quel tempo il mio massimo desiderio era danzare Giulietta. MacMillan era un coreografo che svelava i suoi personaggi in poche frasi. Un giorno mi guardò e mi disse che voleva vedermi danzare Manon. Io ribattei che non capivo quel personaggio. E lui mi disse: “appunto per questo lo devi fare. Manon è una ragazza che si butta nella vita senza pensarci due volte“. Fu un successo. 

Un balletto che quanto vuole una Manon dentro nel ruolo, dalla frivolezza alla tragedia, esige un Des Grieux altrettanto in parte. Per questo bisogna sempre tornare a riguardarsi il primo Des Grieux di Anthony Dowell. Quella sua prima dichiarazione d’amore nel primo atto, danzata sulla diagonale, variazione difficilissima, in cui però ciò che fa la differenza è il legato più che il singolo passo, il legato che attraverso la coreografia comunica il sentimento. Un ripasso visivo da youtube rende l’effetto: 

Su Manon in youtube si trova di tutto: qualità di ripresa molto variabile, ma che bellezza rivedersi i passi a due finali tra Bolle e Ferri, tra Guillem e Murru, o l’arrivo in Louisiana di Coviello-Osipova. Cercate e troverete tutto. Nel documentario già citato su Kenneth MacMillan di cui ho dato il link in un precedente post, ripreso divinamente c’è il passo a due finale tra Guillem e Cope accompagnato dalle parole di Alessandra Ferri: da manuale!

Dell’attuale ripresa scaligera, aperta dalle due star Bolle e Zakharova, ci è piaciuta la coppia Nicoletta Manni – Timofej Andrjashenko e non solo loro. Nicoletta è entrata nel ruolo con molta partecipazione, bella la sua entrata con lo sguardo abbassato e il lavorio di caviglie sulla musica del Crepuscolo, abbandonata e volubile nei passi a due in camera da letto, drammatica nell’ultimo atto. Non era la sua prima Manon, mentre per Timofej era il primo Des Grieux. Una partnership in un titolo da ripetere, si spera molte altre volte, in cui è palpabile l’alchimia tra i due, sotto ripresi in uno scatto alla Scala. 

nicoletta-manni-e-timofej-andrijashenko-13

Con loro un fantastico Lescaut in carne e ossa, perfido, violento, ambiguo, amorale, grazie all’interpretazione smagliante nella tecnica e attorale nell’interpretazione di Christian Fagetti. Il passo a tre nella camera da letto del primo atto (immagine sotto) con Fagetti, Manni e Mick Zeni, perfetto nella parte di Monsieur G.M. dà la misura di cosa significhi mercanteggiare Manon soppesandone la figura in un intreccio coreografico pieno di leitmotiv che sarà poi ripreso e straziato nella scena del terzo atto con il carceriere.

nicoletta-manni-mick-zeni-christian-fagetti-1

Commozione pura ha riservato al pubblico il terzo cast formato da Emanuela Montanari e Claudio Coviello. Una crescita nei ruoli di atto in atto fino al culmine del terzo: dall’arrivo in Louisiana alla morte nella palude, Montanari e Coviello danzano portando alle lacrime: personaggi compresi nel profondo e quindi resi con intelligenza e autenticità attraverso sfumature dinamico/espressive che fanno brillare la coreografia. Di getto ho scritto su Instagram a riguardo: Claudio Coviello, musicalità piena di racconto e commozione, ripresa da manuale (alla Dowell) della variazione sulla diagonale con accenti drammatici delle linee; Emanuela Montanari, corpo parlante che piega con verità il movimento nella sofferenza. 

emanuela-montanari-claudio-coviello-12

Un esempio: pensare a quelle arabesques intrecciate una dopo l’altra nel passo a due finale prima del lift, non va vista la bellezza dell’arabesque in sé ma la stanchezza di qualcuno che sta morendo e lo si vede nella testa che si abbandona, nel corpo distrutto che è visione dello spirito, non nell’altezza della gamba. E Montanari non sbaglia un accento. Così è anche l’attimo conclusivo della scena, con Manon morta, sdraiata a terra: si riveda Dowell per capire come la tragedia non è nel grido enfatico, ma nell’abbracciare chi si ama e non risponde più, in quel tenerle la mano. E qui ecco di nuovo un grande Coviello. Con la coppia ha lavorato come maitre Massimo Murru, il suo tocco è presente.

Stasera ultimo cast: Virna Toppi e Marco Agostino. Peccato non poterli vedere! Sono via. Se qualcuno è in Scala stasera, scriva qui un commento. 

lhistoire-de-manon-virna-toppi-marco-agostino-5

Foto courtesy Teatro alla Scala