Morganti, danza e vis comica


“Jessica and me” di Cristiana Morganti, prodotto al Funaro di Pistoia

“Jessica and me” è il nuovo, esilarante assolo di Cristiana Morganti, danzatrice storica del Wuppertal Tanztheater di Pina Bausch che dopo il travolgente “Moving with Pina”, torna alla coreografia con un secondo, ottimo, pezzo. “Moving with Pina” era stato creato nel 2010, a ridosso della scomparsa di Bausch l’estate precedente. Un lavoro per ripercorrere con Morganti il mondo di Pina dall’interno.
Lo vedemmo nel delizioso spazio del Centro Culturale Il Funaro di Pistoia, luogo legatissimo al lavoro di Pina Bausch, che accoglie nella sua bella libreria l’Archivio Andres Neumann, custode di materiali preziosi del Wuppertal Tanztheater.

“Jessica and me”, foto@Antonella Carrara

Anche “Jessica and me” si intreccia alla storia del Funaro, che è produttore dello spettacolo e che ha curato la nascita del lavoro. E se il debutto dello spettacolo è avvenuto al Festival Aperto di Reggio Emilia, al Funaro, dove è stato realizzato anche il breve filmato in testa, sarà di nuovo in scena in dicembre l’11 e il 12. Altre tappe già annunciate di “Jessica and me”il 5 dicembre al Teatro Ermete Novelli di Rimini, il 7 alle Passioni di Modena, e poi Perugia (21/2/2015, Auditorium Parco della Musica, a Roma per il Festival Equilibrio (26,27/2), al Teatro Gioia di Piacenza (5/3), all’Astra di Torino il 9 e il 10 aprile.


Cristiana Morganti foto@Claudia Kempf

Di cosa parla lo spettacolo? Della capacità del distacco, dei dolori e della felicità del fare coreografia, dell’elaborazione del lavoro con Bausch da cui partire per trovare, oggi, una propria strada autonoma. Morganti ha un guizzo comico raro nella danza contemporanea, esilaranti sono i suoi drammi adolescenziali, con punte e tutù troppo stretti, intrecciati con gli anni a Wuppertal, la sua vita di oggi, i dialoghi con l’insopportabile, invisibile, giornalista Jessica che parla attraverso un registratorino. Recensito sul numero nuovo di Danza&Danza in edicola e sul Manifesto di sabato scorso.

CondividimiEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+