Teatro alla Scala, futuro e presente del Ballo

Scala in primo piano, in questi giorni per il balletto. Ieri è stata presentata la nuova stagione 2017/2018, diretta da Frédéric Olivieri, scelto dal sovrintendente Alexander Pereira come nuovo direttore del Ballo per tre anni. Una stagione che riporta in primo piano alcuni capolavori del Novecento a firma Jíri Kylián, Maurice Béjart, John Neumeier, Kenneth MacMillan, grandi classici come “Il Corsaro”, novità come la creazione di Aszure Barton, una serata Nureyev. 

In ordine, immagini e date. Titolo inaugurale della stagione (dal 15 dicembre al 13 gennaio) La Dame aux camélias, uno dei capolavori del dance-drama di John Neumeier che segnò nel 2007 il primo addio alle scene di Alessandra Ferri proprio alla Scala. Una serata memorabile. Questa volta a danzarlo sarà con Roberto Bolle Svetlana Zakharova. Un gioiello interpretativo su musiche di Chopin. 

John Neumeier

Dal 25 gennaio al 22 marzo tocca a Goldberg-Variationen di Heinz Spoerli, nuova produzione da camera della Scala che riprende un classico del coreografo svizzero. goldberg-variationen-photo-%e2%88%8fpeter-schnetz-2

Serata all’insegna di novità e grandi ritorni dal 10 marzo al 7 aprile con un trittico tutto da vedere: Mahler 10, creazione in prima assoluta firmata dalla canadese Aszure Barton, scoperta da Mikhail Baryshnikov; Petite Mort di Jíri Kylián, Bolero di Maurice Béjart. A danzare sul famoso tavolo del “Bolero” sarà Roberto Bolle, per la prima volta nell’iconico quanto espressivo ruolo, in alternanza con danzatori del Béjart Ballet Lausanne.

Maurice Béjart

den haag , 16-1-2010 , foto serge ligtenberg , jiri kylian

aszure-barton-ph-graeme-mitchell-1

Una gioia per i ballerini scaligeri sarà Le Corsaire (dal 20 aprile al 17 maggio) nella versione di Anna-Marie Holmes, trionfo del virtuosismo tardo-romantico, storia di schiave e pirati rubata a Byron, un titolo dove mettere in luce attraverso i numerosissimi ruoli, variazioni, ensemble i talenti di casa. Scene nuove di Luisa Spinatelli. 

le-corsaire-disegno-di-una-scena-di-luisa-spinatelli-4

Omaggio a Rudolf Nureyev per l’ottantesimo anniversario della nascita e per il venticinquesimo anniversario della scomparsa con Serata Nureyev (24, 25, 26 maggio), un gala che si annuncia ricco di sorprese, tra gli ospiti già annunciati Marianela Nuñez e Vadim Muntagirov. 

rudolf-nureyev-romeo-5028lmn-ph-lelli-e-masotti

Nureyev torna in auge anche per la ripresa del suo Don Chisciotte dal 10 al 19 luglio, un classico del virtuosismo e dell’humour. 

Chiusura dal 17 ottobre al 2 novembre con L’histoire de Manon di Kenneth MacMillan, storia inossidabile di amore, tradimento e morte che vedrà di nuovo in scena Roberto Bolle e Svetlana Zakharova. 

lhistoire-de-manon-svetlana-zakharova-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-k61a1727-b-x

Da segnarsi in agenda anche il ritorno in Scala del Bolshoi con Bayadère La Bisbetica domata di Jean-Christophe Maillot.

Intanto fino all’1 giugno è in scena Progetto Händel di Mauro Bigonzetti, presentato dal suo autore come un puro divertimento tra coreografo, musica e interpreti. Un gioco sui codici della danza che spinge i 22 danzatori dell’ensemble coinvolti (ottima resa da Timofej Andrijashenko a Agnese Di Clemente, Gioacchino Starace, Christian Fagetti, Alessandra Vassallo, Nicola Del Freo, Vittoria Valerio, Federico Fresi) e le étoiles Roberto Bolle e Svetlana Zakharova a portare all’estremizzazione l’elasticità del corpo: è una danza segnata da voraci spaccate, a terra e in rovesciata, ampie oscillazioni di bacino, gambe tenute a 180° e più, intrecci di corpi in cui di continuo marcano il tempo veloci piegamenti e distensioni di braccia, gambe, polsi e caviglie. Un divertimento che non vuole raccontare nulla, altro che la messa in luce della mobilità dei corpi degli interpreti elettrizzati dal segno tutto pulsazione di Bigonzetti. Un pezzo che snocciola soli, passi a due, ensemble, terzetti, quartetti, accompagnati nella prima parte da sarabande, allemande, gighe, correnti e preludi eseguite al pianoforte da James Vaughan, nella seconda da movimenti tratti da svariate sonate che vedono al clavicembalo ancora Vaughan, al violino Francesco De Angelis, all’oboe Fabien Thouand, al flauto Andrea Manco, al violoncello Sandro Laffranchini. 

progetto-haendel-svetlana-zakharova-e-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-301_k61a8846-xx

Costumi che rivisitano per le donne il tutù con gorgiere stilizzate, intrecci di fili e corsetti, puntando per i maschi alla messa in luce della fisicità con pantaloni attillati o inguainati in aderentissime magliette nude look. 

progetto-haendel-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-709_k65a2735-xx

Foto courtesy of Teatro alla Scala. Dall’alto John Neumeier (foto Kiran West), Goldberg-Variationen (foto Peter Schnetz), Maurice Béjart (foto Lelli e Masotti), Jíri Kylián (foto Serge Ligtenberg), Aszure Barton (foto Graeme Mitchell) un bozzetto di Luisa Spinatelli per “Il Corsaro”, Rudolf Nureyev (foto Lelli e Masotti), L’Histoire de Manon (foto Brescia Amisano), “Progetto Händel” (foto Brescia Amisano)

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Un’ora con Marianela Nuñez

L’incontro con una stella del balletto è un momento speciale per bambini e adolescenti che hanno scelto la danza come loro percorso di crescita. E quando avviene con un’artista di rango nonché generosa e solare qual è Marianela Nuñez, Principal del Royal Ballet di Londra, si può essere certi che nella vita dei giovani tersicorei lascerà un segno. 

È successo in questi giorni alla Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala dove Marianela Nuñez è stata invitata dal direttore Frédéric Olivieri a tenere alcune lezioni alle classi femminili più avanzate e a incontrare tutta la scuola. Una bella occasione per intervistarla insieme gli allievi, per ascoltare la sua storia, sentirla rispondere ai ragazzi. Ecco come è andata.IMG_1693

Come ha iniziato a danzare? 

«La mia è una storia molto tradizionale. Ho tre fratelli maschi. Mia mamma, stufa del football, felice di avere finalmente anche una femmina, pensò di mandarmi da piccolissima a lezione di balletto. Ero sempre vestita di rosa e ho iniziato a ballare tre anni. A cinque ero certa: voleva diventare una ballerina, una grande ballerina. Studiavo in una piccola scuola nei dintorni di Buenos Aires ed ero assai concentrata. Quando i miei compagni mi sembravano distratti, li sgridavo… Prendevo la cosa molto seriamente. (ride) 

La mia maestra disse che avevo talento e che era il caso di mandarmi a studiare nella scuola del Teatro Colón. Avevo otto anni quando entrai. Il corso intero di studi dura dieci anni. Io ne ho fatti cinque perché quando avevo tra i tredici e quattordici anni mi vide Maximiliano Guerra, grandissimo ballerino che è stato più volte anche alla Scala e che mi chiese di ballare con lui. Ero davvero giovanissima! Lasciai la Scuola e cominciai a danzare in compagnia. Sentivo la pressione di questa scelta ma ero anche felice. Guerra è stato un padrino per me. Non solo per l’opportunità che mi ha dato, per l’esperienza che mi ha trasmesso, ma per la cura nei miei riguardi. È ancora lui che mi disse: «hai talento, devi andare a ballare in Europa, o con l’Hamburg Ballett o con il Royal Ballet di Londra». La prima audizione che feci fu con il Royal. Dirigeva la compagnia Anthony Dowell. Mi offrì subito un contratto. Ma quando stavo per firmarlo realizzò che ero troppo giovane! Per entrare in compagnia dovevo avere almeno 16 anni e io ne avevo 15… Mi propose una soluzione: tornare a Scuola per un anno, nella Scuola del Royal, e poi entrare. Accettai».

IMG_1692Sarà stato difficile tornare a studiare a Scuola….

«Sì, ma è stata la scelta migliore. Difficile all’inizio da accettare, ma se mi guardo indietro, che esperienza! Ho imparato la lingua, ho studiato lo stile, la scuola del Royal Ballet mi ha nutrito, è stata la mia famiglia. L’anno dopo sono entrata in compagnia. Un altro grande incontro a diciassette anni. Carlos Acosta doveva danzare Diana e Atteone con Leanne Benjamin, che però si era fatta male. Carlos sapeva la mia storia, chiese di danzare con me. Andò bene e venni promossa first soloist». 

Da corpo di ballo a prima solista e poi a Principal…

«Sì, Principal sono diventata nel 2000. Ma ci tengo a segnalare quanto sia importante danzare nel corpo di ballo, cambiare ruolo negli stessi balletti. Al Royal Ballet anche da Principal ho continuato a danzare più parti. Anche in Bella Addormentata a volte faccio Aurora, a volte la Fata dei Lillà e conosco bene tutti i ruoli. Bisogna avere un grande rispetto del corpo di ballo e delle diverse parti. Penso alle fate, che variazioni! Un balletto non è mai fatto solo dalla ballerina principale, la performance è il risultato di un insieme. Capire questo significa avere amore e rispetto per l’arte della danza». 

(dagli allievi): Qual è il suo ruolo preferito? 

«Impossibile rispondere. È come se fossi una mamma e dovessi dire quale figlio preferisco. Posso solo dire che mi ritengo molto fortunata a poter danzare i grandi classici come Bella Addormentata accanto a coreografie di maestri come Balanchine, Cranko, MacMillan e di artisti più giovani. Quando ho iniziato, siccome ero molto forte tecnicamente, mi proponevano ruoli particolarmente virtuosistici, ma io già desideravo mettermi alla prova anche in parti più emozionali. Adoravo balletti come Romeo e Giulietta, L’Histoire de Manon. Nella mia prima Bajadère feci Gamzatti, ma già avrei voluto danzare la parte drammatica di Nikija. Alla fine ci sono riuscita e oggi nel mio repertorio ci sono ruoli con sfumature e caratteristiche molto diverse». 

IMG_1693

(dagli allievi): Partner preferiti?

«La partnership è qualcosa quasi di chimico, un’unità che non nasce in scena, ma si sviluppa durante le prove in studio. Ognuno di noi ha il proprio ego, le proprie insicurezze e con il partner deve scattare quella comprensione reciproca che può anche poi diventare una sfida a trovare nel balletto nuove soluzioni. Ancora una volta vi dico che sono stata fortunata. Ho avuto sempre magnifici partner, qui ce n’è uno, Alejandro Parente (Principal del Colón, alla Scuola con Marianela per alcune lezioni ai maschi), o Vadim Muntagirov con cui ballerò a febbraio a Londra Bella Addormentata che sarà anche al cinema in Italia in diretta da Londra il 28 febbraio e in due passi a due agli Arcimboldi nel gala di Roberto Bolle questa settimana». 

Tra i tanti balletti che ha interpretato ci sono L’Histoire de Manon che ha appena nominato e di cui c’è anche un breve documentario sul website del Royal Ballet che la vede provare l’ultimo passo a due con Federico Bonelli e l’Onegin di John Cranko che verrà a danzare a settembre alla Scala con Roberto Bolle.

«Principal sono diventata a 20 anni, ma la parte di Manon l’ho danzata la prima volta a trent’anni. Avevo ballato tutte le parti di quel titolo di MacMillan, il corpo di ballo, le prostitute, è stato un viaggio incredibile nel balletto che poi ho danzato come Manon anche per la diretta al cinema del Royal. Un titolo magnifico. Onegin, altro balletto di grande emozione, non l’ho mai danzato con Roberto Bolle: conto i mesi che mancano… ma il balletto lo conosco bene. Tante volte ho danzato la parte di Olga, così la prima volta che ho fatto Tatiana in prova conoscevo già tutto il ruolo. Vivere lo stesso titolo da più punti di vista è davvero un’esperienza preziosa».

(dagli allievi): Cosa ha provato la prima volta che ha danzato sul palcoscenico del Covent Garden?

«Quando sono entrata in compagnia, il Covent Garden era in restauro. Quando è stato riaperto, danzavo Bajadère nel corpo di ballo. Mi ricordo l’emozione prima di entrare e la sensazione di sentirmi vicina al sogno che avevo da bambina».

(dagli allievi): Cos’è per lei essere diventata una Principal?

«Trovare le parole non è facile. Certo mi anima da sempre una grande passione. Sono certa che quando dovrò smettere non troverò qualcosa da amare nello stesso modo della danza. Posso però dire, come Principal, di sentire una grande responsabilità nei confronti dei giovani, dei ballerini appena entrati in compagnia che sono come ero io. Sei un esempio ed è essenziale comunicare l’amore e il rispetto per questa magnifica forma d’arte. Lasciare qualcosa agli altri».

(dagli allievi): Per lei ballerini si nasce o si diventa?

«È veramente difficile rispondere. Magari nasci con un fisico perfetto per la danza, ma non diventerai mai una ballerina, o al contrario hai dei difetti da correggere ma una tale determinazione che ce la fai. Certo se il corpo è dotato, sei avvantaggiato, ma davvero non saprei. La danza è qualcosa che va forse al di là di questa prospettiva. È lavoro e rispetto. È vero però che quando racconto che a cinque anni ero certa di voler diventare una ballerina, non è un cliché, è la verità e me lo ricordo molto bene. Non avevo mai visto un balletto prima dei cinque anni, ma volevo danzare. Quindi forse, chissà, sono nata per la danza. Però ci penso, e forse domani avrò una risposta migliore…»

DOVE VEDERLA DANZARE in Italia: stasera e domani pomeriggio al Teatro degli Arcimboldi di Milano nel gala Roberto Bolle and Friends. Insieme con Vadim Muntagirov del Royal Ballet nei due pas de deux dal terzo atto di Bella Addormentata e Lago dei cigni.

al cinema il 28 febbraio, in diretta dal Covent Garden di Londra con il Royal Ballet. Elenco delle sale su Nexo Digital

Al Teatro alla Scala, in Onegin con Roberto Bolle, 23, 26, 28 settembre; 12, 18 ottobre.

 

 

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+