tutti al cinema con il Royal Ballet

Giovedì 16 maggio alle 20.15. tutti al cinema per vedere in diretta il nuovo trittico del Royal Ballet di Londra. Il Triple Bill è di deciso interesse perché vede in scena tre pezzi a firma di tre autori di spicco del nostro tempo: Christopher Wheeldon, Crystal Pite e Sidi Larbi Cherkaoui.

Within the Golden Hour di Wheeldon è ispirato al cambiamento delle stagioni ed è incentrato su sette coppie che si separano e si mescolano tra di loro su musica di Vivaldi e Ezio Bosso. Un pezzo, a giudicare dalla recente recensione di The Guardian, pieno di musicalità e piacevolezza nel quale apprezzare la scrittura per duetti di Wheeldon con particolare messa in luce di artisti come Lauren Cuthbertson and Ryoichi Hirano.

Medusa è il primo pezzo creato da Sidi Larbi Cherkaoui per la compagnia inglese, con Natalia Osipova nel ruolo principale del balletto. Ne riparleremo a visione fatta. 

Il pezzo che chiude la rappresentazione è Flight Pattern di Crystal Pite, per The Guardian un capolavoro commovente e brutale al contempo. Una riflessione sulla crisi dei migranti, con 36 ballerini sulla Symphony of Sorrowful Songs di Henryk Mikołaj Górecki. 

L’elenco dei cinema che in Italia aderiscono all’iniziativa si trova sul sito della casa di distribuzione Nexo Digital

Torinodanza anteprima con Crystal Pite

01_betroffenheit-17072015_090-photomichael-slobodian

  Betroffenheit di Crystal Pite, photo©Michael-Slobodian 

Spetta a Crystal Pite e alla sua compagnia Kidd Pivot catalizzare da stasera l’attenzione sul Festival Torinodanza 2018, con un’anteprima di spicco in scena alle Fonderie Limone di Moncalieri. Contesa artista canadese, ex luminosa danzatrice di Forsythe, creazioni di successo firmate per il Nederlands Dans Theater, il Royal Ballet di Londra, l’Opera di Parigi, Crystal Pite porta al Festival Betroffenheit, spettacolo in bilico tra danza e teatro ispirato a un tragico fatto di cronaca. Pite lo ha messo a punto insieme al drammaturgo e attore Jonathon Young. Il fatto sul quale ruota il lavoro è un dramma vissuto dallo stesso Young che, durante un incendio, perse la figlia adolescente e una nipote sopravvivendo alla tragedia. Betroffenheit in tedesco significa shock trauma, ma anche sbigottimento, costernazione. 

Dichiara Pite: «La storia del trauma vissuto da Young, il suo personale Betroffenheit è al centro di questa avventura. Jonathon mi ha coinvolto nella sfida di utilizzare le nostre discipline artistiche per lottare contro la sofferenza e il suo coraggio mi ha permesso di mostrare coerenza. Sono molto riconoscente per questa opportunità di essere al suo fianco per guardare in questo difficile terreno che è il dolore e di esplorarlo in un onesto processo di creazione.

trailer di Betroffenheit di Crystal Pite per Kidd Pivot

Sono stata sorpresa di constatare la gioia che è nata all’interno di questo progetto e profondamente commossa per la curiosità di Jonathon che si è dato a cuore aperto. Nel corso del suo intenso lavoro di ricerca interiore, ci ha lasciato lo spazio per catturare momenti di grazia». 

Lo spettacolo della durata di 120 minuti è in replica alle Fonderie Limone anche domani, in prima italiana. L’anteprima di Crystal Pite, realizzata dal festival in collaborazione con il Teatro Stabile di Torino, lancia Torinodanza e la nuova direzione artistica di Anna Cremonini. Il festival si svolgerà poi, come di consueto, tra settembre e dicembre. Tra i primi spettacoli inaugurazione il 10 con Noetic e Icon di Sidi Larbi Cherakaoui, artista associato a Torinodanza per i prossimi tre anni, e The Great Tamer di un altro nome chiave del nostro tempo: il greco Dimitris Papaioannu (20 – 22 settembre).

trailer e foto courtesy of Festival Torinodanza e Kidd Pivot.