Fulminante Giselle con Dada Masilo

Giselle, la contadinella del balletto romantico del 1841, è rinata in Sudafrica. Non porta più le punte, danza a piedi nudi, il baricentro del movimento ben ancorato al bacino in tribale relazione con la madre terra. Dopo le agguerrite versioni di Carmen e Swan Lake, Dada Masilo, danzatrice e coreografa di Johannesburg, ha firmato la sua Giselle nera. Lo spettacolo è stato in prima nazionale al Teatro Olimpico per il Festival RomaEuropa, poi al Comunale di Ferrara, domenica questa sarà all’Ariosto di Reggio Emilia per il festival Aperto. La recensione è uscita sul manifesto di mercoledì, la riprendiamo per intero volentieri qui, tornando a scrivere sul nostro blog (che troppo trascuriamo) per segnalare uno spettacolo che merita di essere visto dagli amanti della tradizione del balletto come dagli appassionati della danza nata oggi. 

Siamo a fine Ottocento, la nuova Giselle, interpretata dalla stessa Masilo, abita in una fattoria vinicola sudafricana: terra di vendemmia come era quella della Germania dell’originale. Perché Masilo, come nelle riscritture precedenti, non si serve dei titoli noti per catturare il pubblico, impastando poi rivisitazioni di superficie. Dice che i coreografi africani devono essere coraggiosi, lei lo è: con la sua compagnia The Dance Factory affonda senza paura le mani nei classici, forte delle sue radici. Il quadro d’apertura dice già tutto: sullo sfondo i disegni in bianco e nero dell’Africa rurale firmati da William Kentridge con cui Masilo propose anni fa a RomaEuropa il magnetico Refuse the Hour. In scena i contadini sono in un momento di riposo, qualche ombrellino bianco aperto per ripararsi dal sole nel tempo di vendemmia. Un attimo, poi la danza si fa battente, una festa per il raccolto in cui si balla e grida sulla musica originale di Philip Miller. La partitura è bellissima, percussiva, africana, ma anche melodica nel suggerire sottotraccia motivi dall’originale ottocentesco di Charles Adam.

Masilo non tralascia alcun particolare della storia, ma tutto è diretto, violento, passionale. Albrecht, il traditore, è un arrogante Principe a piedi scalzi, con mantellone blu acceso, Bathilde, la sua nobile fidanzata, è grossolana. Giselle ha una madre aggressiva, che la spoglia per punirla, la vuole sposa del suo pari Hilarion. Il duo tra Giselle a seno nudo e l’insistente Hilarion rivela il pericolo del sopruso. Con Masilo si va al cuore dell’istinto. Così quando Giselle muore, perché ha scoperto che Albrecht di cui è innamorata è in realtà un nobile e mai la sposerà, la trasformazione in Villi è radicale.

dadamasilo_giselle2017_0262

Le Villi, spiriti notturni traditi in vita, sono vestite non in bianco, ma di rosso porpora, il colore del sangue. Myrtha, la loro regina, è un uomo e sembra uno sciamano, in mano non ha un ramoscello di verbena, ma una frusta. Giselle l’aveva già sognata in vita in un crudele incubo premonitore.

dadamasilo_giselle2017_0054

Le Villi sono uomini e donne, perché nella realtà anche i maschi possono essere traditi secondo la visione del gender tutto fuorché rigida che Masilo porta avanti da sempre a dispetto di come la diversità sia vista in Sudafrica. Sapiente l’intreccio tra rilettura e citazione: ci sono dell’originale le braccia incrociate come nella tomba, l’insistito arabesque, ma la ferocia delle Villi è ancor più manifesta. Giselle è una cacciatrice della notte. Avrà pietà di Albrecht? Finale sorprendente, di cui non guastiamo la sorpresa.

Chi ha già visto lo spettacolo o lo vedrà domenica a Reggio Emilia, ci mandi attraverso il blog i suoi commenti sul finale e sulla riscrittura della storia. 

photo courtesy John Hogg

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Fantasie in corto di Philippe Decouflé

Debutta stasera all’Espace Malraux Scene Nationale di Chambery et de la Savoie (con repliche domani e dopo) Nouvelles Pièces Courtes, il nuovo spettacolo di Philippe Decouflé, visionario coreografo francese conosciuto anche da un pubblico non tradizionale per la danza per aver firmato anni fa la cerimonia dei Giochi Olimpici di Albertville. Autore anche di commedie musicali e di grandiosi spettacoli come “Paramour” firmato nel 2016 per Broadway, per “Nouvelles Pièces Courtes” cambia il tiro all’insegna di semplicità e purezza. Soli, duetti e piccoli pezzi di gruppo che esplorano l’architettura del corpo, senza tralasciare l’aspetto ludico a cui ci ha abituato la compagnia di Decouflé. Allievo tra i più famosi di Alwin Nikolais, il padre del teatro astratto multimediale, Decouflé sarà in ottobre uno degli ospiti chiave del Festival Torinodanza con “Nouvelles Pièces Courtes” che vedremo a Chambers giovedì. 

Nel frattempo per chi avesse voglia di ripassarsi i perché del timbro e della qualità del lavoro di Decouflé, ecco qui un corto che realizzammo a Parigi cinque anni fa per il debutto, sempre a Torinodanza, dello spettacolo “Panorama” e della indimenticabile mostra a La Villette “Opticon” con intervista al coreografo. 

 

 

 

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Teatro alla Scala, futuro e presente del Ballo

Scala in primo piano, in questi giorni per il balletto. Ieri è stata presentata la nuova stagione 2017/2018, diretta da Frédéric Olivieri, scelto dal sovrintendente Alexander Pereira come nuovo direttore del Ballo per tre anni. Una stagione che riporta in primo piano alcuni capolavori del Novecento a firma Jíri Kylián, Maurice Béjart, John Neumeier, Kenneth MacMillan, grandi classici come “Il Corsaro”, novità come la creazione di Aszure Barton, una serata Nureyev. 

In ordine, immagini e date. Titolo inaugurale della stagione (dal 15 dicembre al 13 gennaio) La Dame aux camélias, uno dei capolavori del dance-drama di John Neumeier che segnò nel 2007 il primo addio alle scene di Alessandra Ferri proprio alla Scala. Una serata memorabile. Questa volta a danzarlo sarà con Roberto Bolle Svetlana Zakharova. Un gioiello interpretativo su musiche di Chopin. 

John Neumeier

Dal 25 gennaio al 22 marzo tocca a Goldberg-Variationen di Heinz Spoerli, nuova produzione da camera della Scala che riprende un classico del coreografo svizzero. goldberg-variationen-photo-%e2%88%8fpeter-schnetz-2

Serata all’insegna di novità e grandi ritorni dal 10 marzo al 7 aprile con un trittico tutto da vedere: Mahler 10, creazione in prima assoluta firmata dalla canadese Aszure Barton, scoperta da Mikhail Baryshnikov; Petite Mort di Jíri Kylián, Bolero di Maurice Béjart. A danzare sul famoso tavolo del “Bolero” sarà Roberto Bolle, per la prima volta nell’iconico quanto espressivo ruolo, in alternanza con danzatori del Béjart Ballet Lausanne.

Maurice Béjart

den haag , 16-1-2010 , foto serge ligtenberg , jiri kylian

aszure-barton-ph-graeme-mitchell-1

Una gioia per i ballerini scaligeri sarà Le Corsaire (dal 20 aprile al 17 maggio) nella versione di Anna-Marie Holmes, trionfo del virtuosismo tardo-romantico, storia di schiave e pirati rubata a Byron, un titolo dove mettere in luce attraverso i numerosissimi ruoli, variazioni, ensemble i talenti di casa. Scene nuove di Luisa Spinatelli. 

le-corsaire-disegno-di-una-scena-di-luisa-spinatelli-4

Omaggio a Rudolf Nureyev per l’ottantesimo anniversario della nascita e per il venticinquesimo anniversario della scomparsa con Serata Nureyev (24, 25, 26 maggio), un gala che si annuncia ricco di sorprese, tra gli ospiti già annunciati Marianela Nuñez e Vadim Muntagirov. 

rudolf-nureyev-romeo-5028lmn-ph-lelli-e-masotti

Nureyev torna in auge anche per la ripresa del suo Don Chisciotte dal 10 al 19 luglio, un classico del virtuosismo e dell’humour. 

Chiusura dal 17 ottobre al 2 novembre con L’histoire de Manon di Kenneth MacMillan, storia inossidabile di amore, tradimento e morte che vedrà di nuovo in scena Roberto Bolle e Svetlana Zakharova. 

lhistoire-de-manon-svetlana-zakharova-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-k61a1727-b-x

Da segnarsi in agenda anche il ritorno in Scala del Bolshoi con Bayadère La Bisbetica domata di Jean-Christophe Maillot.

Intanto fino all’1 giugno è in scena Progetto Händel di Mauro Bigonzetti, presentato dal suo autore come un puro divertimento tra coreografo, musica e interpreti. Un gioco sui codici della danza che spinge i 22 danzatori dell’ensemble coinvolti (ottima resa da Timofej Andrijashenko a Agnese Di Clemente, Gioacchino Starace, Christian Fagetti, Alessandra Vassallo, Nicola Del Freo, Vittoria Valerio, Federico Fresi) e le étoiles Roberto Bolle e Svetlana Zakharova a portare all’estremizzazione l’elasticità del corpo: è una danza segnata da voraci spaccate, a terra e in rovesciata, ampie oscillazioni di bacino, gambe tenute a 180° e più, intrecci di corpi in cui di continuo marcano il tempo veloci piegamenti e distensioni di braccia, gambe, polsi e caviglie. Un divertimento che non vuole raccontare nulla, altro che la messa in luce della mobilità dei corpi degli interpreti elettrizzati dal segno tutto pulsazione di Bigonzetti. Un pezzo che snocciola soli, passi a due, ensemble, terzetti, quartetti, accompagnati nella prima parte da sarabande, allemande, gighe, correnti e preludi eseguite al pianoforte da James Vaughan, nella seconda da movimenti tratti da svariate sonate che vedono al clavicembalo ancora Vaughan, al violino Francesco De Angelis, all’oboe Fabien Thouand, al flauto Andrea Manco, al violoncello Sandro Laffranchini. 

progetto-haendel-svetlana-zakharova-e-roberto-bolle-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-301_k61a8846-xx

Costumi che rivisitano per le donne il tutù con gorgiere stilizzate, intrecci di fili e corsetti, puntando per i maschi alla messa in luce della fisicità con pantaloni attillati o inguainati in aderentissime magliette nude look. 

progetto-haendel-ph-brescia-e-amisano-teatro-alla-scala-709_k65a2735-xx

Foto courtesy of Teatro alla Scala. Dall’alto John Neumeier (foto Kiran West), Goldberg-Variationen (foto Peter Schnetz), Maurice Béjart (foto Lelli e Masotti), Jíri Kylián (foto Serge Ligtenberg), Aszure Barton (foto Graeme Mitchell) un bozzetto di Luisa Spinatelli per “Il Corsaro”, Rudolf Nureyev (foto Lelli e Masotti), L’Histoire de Manon (foto Brescia Amisano), “Progetto Händel” (foto Brescia Amisano)

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Anni Settanta con le foto di Agnese De Donato

manifesto-femminista

Che stagione, gli anni Settanta. Agnese De Donato, femminista e scrittrice, una delle prime giornaliste donna fotoreporter professioniste, se ne è andata il 5 marzo scorso. Oggi la ricordiamo con particolare affetto in occasione dell’inaugurazione a Roma, della mostra Anni Settanta: io c’ero – una stagione irripetibile negli scatti di Agnese De Donato, alle ore 18.30 alla Galleria De Crescenzo & Viesti dove resterà allestita fino al 30 giugno. 

Curata da Greta Boldorini, la mostra è stata seguita fino all’ultimo con indefessa dedizione da Agnese che ha scelto con Boldorini scatti su quegli anni unici spaziando tra lo spettacolo e l’arte, le battaglie delle donne, i protagonisti della cultura e della scena nazionale e internazionale. Sono stampe d’epoca e stampe d’autore realizzate nel piccolo laboratorio di sviluppo annesso allo studio De Donato. Un viaggio nel tempo e nella memoria che vive nell’impronta di personalità di scrittori come Moravia, Carlo Levi, di pittori come Achille Perilli, Michelangelo Pistoletto, di attori come Ugo Tognazzi e Monica Vitti, di registi come Nanni Moretti, di danzatori come Nureyev, Maya Plisetskaya, Carla Fracci, di spettacoli come  “Le cento giornate di Sodoma” di Giuliano Vasilicò, di una stagione teatrale segnata da nomi come Leo De Berardinis e Memè Perlini

fracci-con-diadema

Cinque le sezioni del catalogo per un totale di 156 fotografie: Donne, Istantanee, Arte viva, Il teatro delle cantine, Le pezze dei ballerini.

Tra le tante attività di Agnese due ricordi: la fondazione nel 1957 in via Ripetta a Roma della libreria Al Ferro di Cavallo, e la fondazione nel 1973 della prima rivista femminista italiana, effe

image004

Sopra tre immagini dalla mostra: manifesto femminista, Fracci con diadema, Agnese De Donato. 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Fondazione Rava in ballo

_mg_3474-1

Stasera, alle 21, al Teatro alla Scala, si danza per Haiti. Giovani allievi provenienti dalla Accademia Vaganova di San Pietroburgo, dalla Jacqueline Kennedy Onassis School dell’American Ballet Theatre e dalla Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala saranno protagonisti di un gala benefico a favore della Fondazione Rava NHP Italia Onlus. Il ricavato della serata sarà devoluto interamente all’Ospedale pediatrico Saint Damien di Haiti, progettato e realizzato dalla Fondazione Rava NHP Italia Onlus e dedicato all’assistenza di 80.000 bambini l’anno. Il Saint Damien è l’unico ospedale pediatrico in Haiti. 

_mg_3459

Ad aprire le danza sarà la Scuola scaligera con un estratto dalla Cenerentola firmata dal direttore Frédéric Olivieri nel 2015 su commissione della Fondazione Bracco, interpreti principali nel ruolo di Cenerentola e il Principe Caterina Bianchi e Alessandro Cavallo, seguirà la Jacqueline Kennedy Onassis School dell’American Ballet Theatre, diretta da Cynthia Harvey, con un passo a due tratto da La Source di George Balanchine, danzato da Grace Ann Pierce e Jacob Clerico, mentre Eleonora Sevenard e Egor Gerashenko della Accademia Vaganova, diretta da Nikolai Tsiskaridze, interpreteranno il passo a due del cigno nero dal Lago dei cigni, versione Grigorovich. Chiudono il cerchio gli allievi scaligeri con Un ballo di Jiří Kylián. Finale collettivo all’insegna della collaborazione con il défilé sulla Gran Marcia dal Tannhäuser di Wagner con tutti i partecipanti alla serata. Accompagna il gala l’Orchestra dell’Accademia Teatro alla Scala, diretta da David Coleman. 

Nelle immagini gli alliievi delle tre Scuole in sala prove alla Scala. foto Andrea Angeli ©Accademia Teatro alla Scala

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+