Quando la danza è su misura

“Su misura”, corto vincitore de “La danza in 1 minuto”, a Pavia il 22 febbraio

La danza in 1 minuto. È la sfida e il titolo del concorso lanciato da Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte -, puntato alla realizzazione di un mini film di massimo 70 secondi che dia in un soffio la visione di cosa sia la danza. Bella idea, seguitissima nel mondo dei giovani videomaker, danzatori e coreografi con un occhio sensibile all’incontro tra movimento dal vivo, camera e schermo. Info sul contest, la giuria, i vincitori delle diverse categorie su www.coorpi.org

A vincere l’edizione 2014 è stato un delizioso racconto mignon in bianco e nero, giocato con le accelerazioni e gli sguardi parlanti dei cinema muto: “Su misura”, dei liguri Augenblick. Sono in quattro, Marina Giardina, Alessandra Elettra Badoino, Marco Longo e Fabio Poggi, hanno provenienze differenti, dal teatro, dalle arti visive, dal cinema, dall’architettura.

Il loro film lascia nella testa un sorriso e un valzer di immagini: un’occhiata improvvisa di rivalità femminile, una mano che cuce, appassionata di dettagli minimi, amore comune a danzatori, sarti e coreografi, un ballo veloce tra un uomo e una donna osservato da un’altra donna su un’ampia collina battuta dal vento.

L’ambiente muta tra interno ed esterno: una stanza dove montaggio e regia di Marco Longo ci guidano alla scoperta di micro azioni che svelano per accenti le dinamiche tra i tre protagonisti (Poggi, Giardina, Badoino), lui, lei e l’altra, un valzer di gesti piccolissimi, dove tutto è sottile eppure determinante, proprio come un filo da passare nella cruna di un ago prima di attaccare il bottone. Perché il su misura del titolo riguarda magnificamente danza e cucito, coreografia e sartoria, entrambi lavori d’autore, come la stessa regia di questa piccola opera.

Anche la musica è un gioco di note e assonanze. Una melodia tintinnante, intrecciata con il ritmo di una macchina da cucire. Si è nella stanza e il cucire diventa una danza che d’un tratto non è più al chiuso, tra abiti appesi e taccuini, ma all’aperto a rivelare ancora più, nel contrasto tra interiorità e location, ciò che provano i tre. Perché in un solo minuto i quattro di Augenblick svelano ciò che può dire in un attimo la danza. Per loro premio in denaro, opportunità di andare ad Amsterdam nel marzo 2015 a seguire l’edizione del Festival Cinedans, dove il loro corto sarà proiettato, Premio Speciale di sostegno alla produzione. Il minuto diventerà infatti un film più lungo: un’idea da sviluppare in 8 minuti e presentare al prossimo festival.

Mentre i quattro sono al lavoro, nascono nuovi inviti. Il 22 febbraio, per il festival Espressioni – Performing Arts Short Films, “Su misura” è in proiezione a ICANTIERI di Pavia.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

A Firenze, è in fiera la danza


Alessandra Ferri foto@Lucas Chilczuk

Sarà Alessandra Ferri a inaugurare a Firenze, alla Fortezza da Basso, la decima edizione di Danza in Fiera. La nostra étoile, che dal primo marzo, danza al Comunale di Firenze il titolo cult di Roland Petit “Le June Homme et la Mort” (occasione da non perdere per rivedere in scena la ballerina italiana), racconterà se stessa in un incontro pubblico condotto dal critico Silvia Poletti alle 16.30 del 26 febbraio. L’artista è, negli stessi giorni, anche protagonista della collana di DVD “I capolavori della danza” in uscita con Classica HD (presente a Danza in Fiera) e il Corriere della Sera ogni mercoledì. Insieme a Roberto Bolle e Massimo Murru danza “Sogno di una notte di mezz’estate” di Balanchine, un titolo che siamo felici di avere ottenuto in collana e di cui in Fiera si vedranno alcuni estratti.

Danza in Fiera resterà aperta alla Fortezza di Basso fino al 1° marzo, ospitando audizioni, stage, spettacoli e eventi. Presenti all’edizione di quest’anno saranno artisti come Nikolai Tsiskaridze e Irina Sitnikova (direttore artistico e docente dell’Accademia Vaganova di San Pietroburgo), Federico Bonelli (Principal Dancer del Royal Ballet di Londra), che incontreremo domenica 1 marzo, Carla Fracci, che si racconterà insieme alla scrittrice Aurora Marsotto, Isabella Ciavarola, étoile dell’Opéra di Parigi, intervistata da Maria Luisa Buzzi, direttrice della rivista Danza&Danza.

Programma completo di Danza in Fiera sul sito della manifestazione.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+