Post spettacolo Teshigawara Tristano


“Landscape” foto @Marco Caselli Nirmal

Abbiamo già anticipato qualcosa su danzon del debutto nazionale al Teatro Comunale di Ferrara di “Landscape”, trio con Saburo Teshigawara, Rihoko Sato e il pianista Francesco Tristano. Ci torniamo, perché lo spettacolo merita la recensione.

Tutto comincia dal pianoforte. Tristano, in penombra suona una sua composizione. Classe 1981, cresciuto nell’amore per Bach mixato al graffio della techno e alla rarefazione di John Cage, Tristano ha indubbiamente sensibilità per la danza. Sarà anche un caso, ma in questi mesi ha appena pubblicato l’album “Scandale” per pianoforte a quattro mani, complice la musicista Alice Sara Ott, con più di un’opera legata a doppio filo alla coreografia del Novecento da “Le Sacre du printemps” di Stravinskij a “Shéhérazade” di Rimsky-Korsakov.


Teshigawara, Sato e Tristano foto @Marco Caselli Nirmal

La composizione di Tristano che apre “Landscape” è “Hello”, un saluto, un richiamo d’attenzione fatto suo, d’improvviso, dalla danza di Teshigawara. Pochi istanti di sola musica e un fascio di luce illumina, quasi accecando lo sguardo del pubblico, Saburo. L’uomo è apparso dal nulla, sulla sinistra della scena, davanti al piano e al suo musicista. Fisico minuto, energia che lascia tracce di forme evanescenti nello spazio, Saburo Teshigawara, a 61 anni, ha una qualità che porta lo spettatore dentro il flusso del movimento. Impennate dinamiche, fremiti folgoranti che, nel culmine, si rapprendono in pose magnetiche. L’inizio è folgorante.

Rihoko Sato, collaboratrice storica di Saburo Teshigawara, si alterna nella danza. Corpo femminile, una texture dalla connotazione lirica, seducente nel timbro carezzevole del movimento. La donna appare e scompare, danzando nei mutevoli ritagli di luce che si creano nel buio.

Ma qual è la relazione tra la musica e la danza? Chi guida, chi segue? Saburo ha raccontato nell’incontro dopo teatro che è la musica a dare al suo movimento il ‘timing’, che è tutt’altro che il semplice ritmo, è lasciare che la musica entri nel corpo e ne trasformi la grana, il colore, nella libertà di danzare nel momento, non nel passo prefissato.

Tristano suona Bach, le “Variazioni Goldberg”, “In a Landscape” di John Cage, tre delle sue composizioni, oltre a “Hello”, “Nach Wasser noch Erde” e “Higashi”, e il suo occhio, il suo modo di suonare, non è sguardo rivolto all’interno, è ascolto del corpo in movimento, in un flusso di influenze reciproche di cui si coglie l’intensità. Tristano chiude con Cage e Cage chiude con Rihoko: corpo flessuoso con braccia che sono come rami sottili mossi dal vento. “Landscape” diventa così un titolo che non solo rimanda a Cage, ma che incarna la visione di un paesaggio sonoro e visivo, in cui musica e danza evocano la bellezza metamorfica della natura. Il pubblico, partecipe, applaude lungamente. Allo spettacolo dedicheremo un corto prodotto da Classica HD. Intanto link alla precedente collaborazione nel 2012 in Giappone tra i tre artisti su youtube.
Prossimo appuntamento con Focus Japan, il 4 novembre con “Mishima, L’Angelo del Nulla”, coreografia di Sayoko Onishi, Teatro Comunale di Ferrara.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Greco Valerio, nuovi R&G


Angelo Greco e Vittoria Valerio foto Brescia Amisano @Teatro alla Scala

Dopo Basilio, Romeo. Makhar Vaziev, direttore del Ballo del Teatro alla Scala, ha affidato a Angelo Greco, diplomato questo giugno alla Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, un nuovo, significativo debutto. Mercoledì ha danzato il suo primo Romeo, nel “Romeo e Giulietta” di Kenneth MacMillan, insieme alla solista Vittoria Valerio. Ruoli tra i maggiori del balletto classico del Novecento.
Per Greco un’entrata nel personaggio di Romeo in punta in piedi, quasi con timore, che diventa coinvolgente spiegamento di passione e dolore nel procedere del dramma. Un ruolo che siamo certi Greco, danzatore di sicuro potenziale, farà crescerà nel tempo. Per Valerio, una Giulietta sentita, che può affinarsi con la ricerca di maggiori sfumature interpretative. Lunghi applausi dal pubblico Under30. Ad Angelo Greco Classica HD ha dedicato l’anno scorso un episodio della serie “Talenti!”, serie televisiva sugli allievi dell’Accademia del Teatro alla Scala. Un estratto sul canale youtube di Classica HD.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Commoventi Núñez e Corrado


Corrado e Marianela Núñez foto Brescia Amisano ©Teatro alla Scala

Non ci dimenticheremo presto l’entrata in scena alla Scala di Marianela Núñez: ha danzato lei ieri sera, insieme a Gabriele Corrado, appena rientrato in Scala, “Romeo e Giulietta” di Kenneth MacMillan ed è stato un successo di quelli che restano. Una Giulietta delicata e piena di luce, commovente nella gioia solare che, purtroppo, non potrà che essere distrutta dalla tragedia shakespiriana.
Tecnica magnifica, che diventa tutt’uno con l’incarnazione del personaggio facendosi tramite scintillante della narrazione.


Núñez in Giulietta foto Brescia Amisano ©Teatro alla Scala

Núñez attraversa la storia con soavità incantevole: ora sospesa nel sogno (che bellezza il loro balcone!), ora tragicamente impotente nel danzare un amore destinato al distacco (passo a due nella camera da letto), ora dilaniata tra obbedienza impossibile ai doveri di figlia e morte incombente (scena con i genitori e Paride nel terzo atto). Magnetica nella scena della pozione, tragica nell’abbandono finale (passo a due nella cripta). Grande feeling nella coppia, con Corrado in ottima forma tecnica, sensibile e innamorato come deve essere Romeo. Vaziev ha scelto lui per sostituire Massimo Murru che ha dovuto rinunciare al ruolo per motivi di salute, e Gabriele ha danzato con allure e sentimento da primo ballerino. Domani sera sono ancora insieme.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Scala, Romeo&Juliet


Roberto Bolle e Alina Somova foto Brescia Amisano

Applausi alla bellezza per Roberto Bolle e Alina Somova, al ritorno in Scala di “Romeo e Giulietta”, versione MacMillan. Sulle note di Prokofiev, le due stelle hanno ripercorso l’eterna storia di amore e morte con perfetta partnership, alternandosi con il secondo cast composto da Claudio Coviello e Natalia Osipova. Se di Somova resta negli occhi l’eleganza delle linee, Osipova coinvolge per la passionalità della danza e la teatralità drammatica. Bolle è il Romeo più atteso e danza con quella generosità e inconfondibile presenza che strega il fedelissimo pubblico; Coviello è un Romeo innamorato, incantato e dolente: tra lui e Osipova grande intesa di sensazioni.

Coviello e Osipova foto A. Groeschel
Purtroppo è notizia ufficiale di oggi che Massimo Murru non danzerà le annunciate repliche del 21 e 23 per un problema di salute. Siamo molto dispiaciuti perché il suo Romeo era da vedere e c’era attesa per la sua partnership con Marienela Nuñez. Lo sostituirà il bravo Gabriele Corrado, già in Romeo con Marta Romagna oggi e il 20. Il 18 in scena Nicoletta Manni con Marco Agostino, il 22 la nuova coppia Vittoria Valerio e Angelo Greco.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Teshigawara&Tristano Landscape a Ferrara


Teshigawara e Tristano foto Rikimaru Hotta

Trio inedito sabato 18 al Comunale di Ferrara con “Landscape”, spettacolo inaugurale del Focus dedicato al Giappone che ospiterà fino a dicembre vari nomi della danza giapponese.
“Landscape” è un incontro tra danza e musica, protagonisti un maestro della coreografia made in Japan come Saburo Teshigawara insieme alla sua storica colloboratrice Rihoko Sato, e, al pianoforte, Francesco Tristano. Origini lussemburghesi, 33 anni, Tristano è noto per il graffiante mix tra grandi classici e techno. Con Teshigawara la collaborazione è iniziata nel 2010 in Francia, tappe successive a Tokyo nel 2012 con “Reunion” ed oggi “Landscape”, su musiche di Bach, Cage e dello stesso Tristano.


Da “Reunion” con Saburo Teshigawara e Francesco Tristano

«Quando Francesco Tristano tocca il pianoforte – ci ha raccontato Teshigawara – , è come se lo strumento diventasse un’estensione del corpo. La qualità della musica viaggia sullo stesso piano della qualità della danza». Gli fa eco Tristano: «Suonare, mentre Saburo e Rihoko danzano, mi ha fatto scoprire sensazioni nuove nella mia musica. Da loro ho imparato molto su quelle transizioni che sembrano silenziose, ma che sono vestite in realtà di un passo». Tra gli altri ospiti del Focus Japan, in programma fino a dicembre, Sayoko Onishi e il maestro del butoh Ushio Amagatsu.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+