MilanOltre ipnotica Elegia

“Elegie” di Olivier Dubois tra Torinodanza e MilanOltre (foto Verchère)

Due approfondimenti cardine, quest’anno, per il festival MilanOltre: il primo si apre domani 1 ottobre (replica il 2) con in scena il Balletto Nazionale di Marsiglia diretto da Frédéric Flamand, il secondo sarà su Virgilio Sieni. In scena domani un titolo chiave di Flamand: Moving Target, seguito da un incontro con l’artista curato da Elisa Vaccarino. Vogliamo però segnalare in particolare l’arrivo a Milano del lavoro di Olivier Dubois, rivelazione della danza francese di cui il Balletto di Marsiglia danza il bellissimo Elegie. 

Il lavoro è in abbinamento a Organizing Demonds di Emanuel Gat il 4. Su questo secondo titolo ci torneremo dopo averlo visto, Elegie, invece, approda al festival milanese dopo il debutto italiano al Torinodanza Festival a metà settembre. Si ispira alla prima Elegia di Rilke ed è un pezzo magmatico e ipnotico, costruito con un rigore formidabile, di estrema fedeltà al dispiegarsi del contenuto. Un solo danzatore maschio che appare da una massa nera, composta da danzatori dal viso coperto. Tra boati temporaleschi, silenzi e note di Wagner, assistiamo alle perizie umane, all’anelito verso l’innalzamento dello spirito, alla caduta, alla fine. Percorso ripetuto identico, da cima a fondo, da una figura femminile. Uomini e donne uniti da un destino comune, nei pur diversi moti che, intimamente, animano ognuna delle nostre vite. Da non perdere.

Info: MilanOltre

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

200 anni in festa

Gala per i 200 anni della Scuola di Ballo della Scala (foto Clarissa Lapolla)

La Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala nel 2013 compie 200 anni. Un’istituzione alla quale sono molto legata: insegnando nelle sue sale da più di dieci anni Storia della danza e del balletto vedo gli allievi entrare bambini e piano piano trasformarsi in giovani adulti e neo-ballerini: non scrivo mai su di loro come critico, è ovvio, ma qui, nel mio blog, voglio lasciare un post sull’emozione di una serata condivisa non come giornalista, ma come docente. Si tratta del Gala tenutosi ieri sera alla Scala per il Bicentenario: una serata speciale i cui introiti sono destinati alla Fondazione Rava – N.P.H. Italia per i bambini di Haiti.

Una festa in cui si è danzato il pas de deux dal III atto di Bella Addormentata, il capolavoro di George Balanchine Serenade, lo spumeggiante Gaîté Parisienne Suite di Béjart. Défilé finale con tutta la Scuola e le étoiles di formazione Scala Carla Fracci, Luciana Savignano, Roberto Fascilla, Oriella Dorella, Liliana Cosi, che hanno camminato danzando accanto a tutta la Scuola. In scena negli applausi finali, il direttore Frédéric Olivieri, l’ex direttrice Anna Maria Prina, ex allievi come Davide Bombana, Gilda Gelati, Marco Pierin, Maurizio Bellezza, Renata Calderini. È stato bello sentire gli applausi per tutti voi allievi, a Jacopo Tissi e Elena Bottaro, impegnati nel virtuosistico pas de deux della Bella, ai solisti e corpo di ballo del magico, malinconico Serenade, al funambolico Angelo Greco, trascinatore di Gaîté con Vera Karpenko nella parte di Madame e gli altri atletici allievi. Un bravo personale al direttore, ai miei colleghi maestri e, naturalmente, a tutti voi, ragazzi!

 

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

uk dance connections.mov


7 minuti con Luca Silvestrini

L’estate sta scivolando via, e prima di tuffarci nella nuova stagione di spettacoli, ritorniamo a danzon con tre corti che ho presentato a Torino al festival teatro a Corte. Sostenuti dal British Council, fanno parte del mio progetto uk dance connections.mov. La mini-serie parte da Luca Silvestrini, Claire Cunningham e Billy Cowie. Silvestrini è un coreografo italiano, formatosi al DAMS di Bologna, che dopo aver studiato al Laban di Londra, si è trasferito in Inghilterra, fondando la Protein Dance. Il corto è dedicato a LOL (lots of love): l’uomo e l’amore nell’era di Facebook sulla originalissima musica di Andy Pink.


8 minuti con Billy Cowie

Billy Cowie è un artista scozzese a tutto campo: scrittore, musicista, coreografo, filmmaker. Il corto è un piccolo viaggio nel mondo di questo simpatico artista, un artigiano del 3D, che crea installazioni e deliziosi film. Per scoprire il nostalgico Tango de Soledad, apprezzato da un artista formidabile della danza qual è Mikhail Baryshnikov, il brillante T’es pas la seule, nato per i bambini, il rarefatto Jenseits, spettacolo tra video e performance creato ah hoc per il Castello di Rivoli.


7 minuti con Claire Cunningham

Claire Cunningham è una performer multidisciplinare e coreografa di Glasgow. Danza con le stampelle, scardinando ogni idea preconcetta sulla disabilità. In Me (Mobile/Evolution), Claire racconta la sua storia attraverso una nuova estetica della performance. Nessun pietisimo, ma uno sguardo dritto e realistico sull’essere artisti.
I tre mini-doc sono introdotti da Alison Driver, Arts’s manager del British Council in Italia.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+

Il ritorno di Vasco Rossi alla Scala


da “12 minuti con Martha Clarke”

Vasco Rossi alla Scala. Se ne parlò moltissimo l’anno scorso in occasione del debutto de L’altra metà del cielo, coreografia dell’americana Martha Clarke sulle canzoni del blasco, orchestrate appositamente per gli stucchi del Piermarini da Celso Valli. Quello che apprezzai di più fu il lavoro di preparazione fatto da Clarke con le protagoniste della creazione, le ballerine scaligere Sabrina Brazzo, Stefania Ballone e Beatrice Carbone. Realizzai un corto di 12 minuti, visionabile integralmente sulla mia pagina vimeo con introduzione di Anna Maria Prina. Il balletto è di nuovo in scena alla Scala da stasera al 13 settembre, occasione per riporre l’accento sull’incontro speciale tra Clarke e le tre protagoniste attraverso una sintesi del corto originale, online anche sul sito della Scala.

In questa settimana alla Scala è stata anche presentata la nuova partnership con Acqua Vitasnella, da questa stagione fornitore ufficiale del Corpo di Ballo, che ha lòanciato un curioso concorso: entro il 27 settembre chi vuole può realizzare un video sulla musica del Lago dei cigni sul tema dello stare in forma con eleganza. I due vincitori potranno vivere una giornata dietro le quinte con il Corpo di ballo della Scala. Info sulle pagine Facebook di Vitasnella.

CondividimiTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+